Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: MAFIA E APPALTI, BLITZ GDF ARRESTATO FIGLIO DI UN NOTO COSTRUTTORE

PALERMO: MAFIA E APPALTI, BLITZ GDF ARRESTATO FIGLIO DI UN NOTO COSTRUTTORE

“I militari del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza, a conclusioni di indagini di carattere finanziario, hanno arrestato tre persone per intestazione fittizia di beni. In manette anche Salvatore Brusca, 50 anni, e Gaetano Troia, 51, accusati di essere prestanome del figlio del costruttore e di controllare il mercato edile in città. Emersi, inoltre, anomali rapporti finanziari con importanti società alberghiere, sequestrate due aziende sospettate di essere inquinate”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Si sono concluse le indagini di carattere finanziario condotte dai Militari del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza. Nel corso del blitz, hanno arrestato tre persone per intestazione fittizia di beni, hanno sequestrato due aziende sospettate di essere inquinate dalla mafia sospendendo dall’amministrazione delle proprie società una conosciuta famiglia di albergatori palermitani. Sono finite in manette tre persone e sono: Marcello Sbeglia, 42 anni, indicato come rampollo di un noto clan di costruttori ritenuti punto di riferimento di diverse famiglie mafiose per la gestione degli appalti; Gaetano Troia, 51 anni e Salvatore Brusca, 50 anni, accusati di essere i prestanome del figlio del costruttore. secondo gli investigatori, durante le indagini sono emersi anomali rapporti finanziari tra la famiglia Sbeglia e importanti società alberghiere.  secondo le accuse, gli Sbeglia, al fine di eludere la normativa di prevenzione antimafia si erano dotati di una serie di prestanome con i quali avrebbero drenato denaro dalle società alberghiere occupando parte di mercato edile lecito. Durante il blitz i finanzieri hanno sequestrato due aziende ritenute inquinate: la ditta individuale di Brusca e la società Ve.Co.Si. a responsabilità limitata. Alle due aziende è stata applicata la misura di prevenzione antimafia dell’amministrazione giudiziaria di società nei confronti di soggetti che operano nel settore alberghiero.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook