Archiviato in | Musica, Spettacolo

MARCO LIGABUE IN CONCERTO A PALERMO

MARCO LIGABUE IN CONCERTO A PALERMO

"È tutto pronto per accogliere l’arrivo da solista di Marco Ligabue il prossimo 1° febbraio alle ore 22 presso lo “Zsa Zsa Mon Amour” in via Filippo Angelitti 32 a Palermo. Il cantautore di Correggio sarà in concerto con il suo primo lavoro discografico da solista “Mare Dentro”.

Print Friendly, PDF & Email

Marco Ligabue. È tutto pronto per accogliere l’arrivo da solista di Marco Ligabue il prossimo 1° febbraio alle ore 22 presso lo “Zsa Zsa Mon Amour” in via Filippo Angelitti 32 a Palermo. Il cantautore di Correggio sarà in concerto con il suo primo lavoro discografico da solista “Mare Dentro”. Quattro i singoli estratti dall’album “Ogni piccola pazzia”, “La differenza”, “E’ da te che dipende” e “La più grande orchestra”. In quest’ultimo brano Ligabue dà voce ai bambini-minatori del Benin a cui dedica il singolo e per ogni visualizzazione del videoclip su Youtube, l’associazione “Buona Nascita Onlus” donerà un centesimo di euro a questi bambini.

La musica può diventare anche solidarietà? “Assolutamente si – spiega Marco. Abbiamo voluto aprire il video con le toccanti immagini dei piccoli della comunità di Dassà, costretti per dieci e più ore al giorno a far suonare i loro martelli e spaccare il granito per la costruzione di mattoni. Sono centinaia, dai 2 anni in su, e spaccano pietre per guadagnare due euro a settimana e aiutare le loro famiglie a mangiare. Quando ho visto le immagini dei bambini del Benin in quelle condizioni sono rimasto sconcertato. Mi è venuta la voglia di fare qualcosa, e al più presto. Così è nato il progetto “La più grande orchestra”. La musica non può certo cambiare il mondo, ma sensibilizzare tante persone e dare un aiuto concreto, certamente si”.

http://www.youtube.com/watch?v=Gm3ZsizThBQ

Come è nato il nuovo album? “E’ stato un percorso inaspettato e naturale. Dopo 10 anni con i Rio ho sentito che il meglio lo avevo dato e mi sono ritrovato davanti ad un foglio bianco. Da lì sono nate tante canzoni che raccontavano a fondo la mia vita. Ho cominciato a studiare canto e davanti ad un mare fuori stagione in Sardegna insieme alla mia compagna mi sono messo a scrivere e tutto pian piano ha preso forma”.

Ma come nasce una canzone? “Prima nasce la melodia. Un giro di accordi, qualche melodia che ho in testa. Poi magari la metto a fuoco e lei stessa comincia a mettermi in testa i temi da trattare. Arrivano delle immagini in testa che voglio raccontare e in base alla melodia possono essere più allegre, più riflessive o più serie”.

http://www.youtube.com/watch?v=2Aq7cA35wbU

Com’è cambiata la musica nell’era dei social? “Gli aspetti sono vari. Adesso c’è tanta più musica. Anni fa per ascoltare un brano dovevi accendere la radio, avere una cassetta o cd. Oggi basta accendere il computer e si ha tutta la musica che si vuole. Il cambiamento più profondo, che si nota soprattutto nelle nuove generazioni, è quello che non è più indispensabile il possesso del vinile o del cd. Lo stesso accade per i film o per i libri”.

Ah proposito di social, lei è il fondatore, responsabile e coordinatore di “Ligachannel” e “Bar Mario” che raccontano la quotidianità di suo fratello Luciano. Una responsabilità importante. Come fa a gestirla. “Nel 1997 abbiamo creato Ligabue.com quando ancora internet non era conosciuto. Oggi questi strumenti sono diventati sempre più importanti e richiedono sempre più lavoro. Adesso sono presente tutti i giorni e do le linee generali da seguire. Insieme a me, c’è un ottimo staff che gestisce questo prezioso strumento”.

Quotidianamente quanto ha influito essere il fratello di Luciano e avere un cognome così importante? “Ho un cognome bellissimo (ride scherzosamente, ndr).Vent’anni fa ho cominciato a girare l’Italia con Luciano e ad entrare nel mondo della musica. Una fortuna che mi è capita e che sono riuscito a cogliere. Sicuramente il mio cognome mi ha portato dei vantaggi e degli svantaggi come in tutte le cose. Sinceramente, lo vivo senza pensarci”.

http://www.youtube.com/watch?v=2WfPMXbuyOQ

Cosa ne pensa dei talent musicali? “E’ una esperienza tostissima. Per uno che c’è la fa magari c’è ne sono 500 che spariscono. Quello che ci riesce magari dopo sei mesi sparisce. È giusto però usare tutte le armi per farsi conoscere, soprattutto in un momento in cui tu stesso devi muoverti per fare qualche concerto e per convincere le case discografiche. Web, radio, talent qualunque mezzo va bene, però serve tanta qualità artistica”.

A Palermo chiuderà un tour che lo ha visto protagonista in 80 date, dopo cosa l’aspetta? Verrà a Catania nel mese di giugno per Mondovisione Tour? “Si, seguirò il Mondovisione Tour ma già da subito mi metterò a studiare e analizzare nuovi brani da incidere”.

http://www.youtube.com/watch?v=wEfeCt2arKs

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook