Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DROGA, MAXI RETATA 48 ARRESTI, DUE I RICERCATI

CATANIA: DROGA, MAXI RETATA 48 ARRESTI, DUE I RICERCATI

“La polizia ha individuato e azzerato un'organizzazione che gestiva droga nel quartiere di San Cristoforo: 48 arresti. Il giro di affari fruttava 4 milioni di euro all'anno. La settimana scorsa l'operazione dei carabinieri a San Giovanni Galermo. Tutti gli indagati sono ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi e ricettazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Nel mirino della polizia, il quartiere San Cristoforo a Catania. Scattata una Maxi retata della Squadra Mobile, con l’ausilio anche di mezzi aerei che hanno setacciato dal cielo le zone interessate. Su disposizione della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, gli agenti hanno eseguito, un’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip nei confronti di 48 persone. L’operazione è denominata Colomba e prende il nome dalla via dove avveniva lo spaccio di marjuana. Il giro d’affari è di quasi 4 milioni di euro in un anno con incassi giornalieri dai 10 mila ai 15 mila euro. L’organizzazione agiva come una perfetta catena di montaggio con vedette e pusher che gestivano la vendita delle sostanze stupefacenti. Gli indagati sono ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi e ricettazione.

Secondo la polizia ai vertici dell’organizzazione sono stati individuati i fratelli Giovanni e Carmelo Crisafulli, di 37 e 43 anni, figli di Francesco, 53 anni, ritenuto elemento di spicco del clan Cappello-Bonaccorsi, dove si è spostato dopo avere lasciato la cosca Santapaola in seguito l’uccisione da parte di Cosa nostra del genero, Nicola Sedici, che sta scontando una condanna a 30 anni di reclusione per omicidio. Per i due fratelli, un loro zio, Filippo Crisafulli, di 52 anni, e Massimo Vinciguerra, di 36 anni, la procura aveva chiesto l’aggravante mafiosa, ma il gip Daniele Monaco Crea ha ritenuto non dimostrato il reato.

arrestati_operazione_colomba_si

 

I nomi delle persone coinvolte nell’operazione: Giovanni Crisafulli, 37 anni, detto “Giovanni u niuru”; Carmelo Crisafulli, 33, detto “Carmelu u niuru”; Filippo Crisafulli, 51, già detenuto; Massimo Vinciguerra, 36, già detenuto; Davide Laudani, 28, detto “Gambalunga”, già detenuto; Salvatore Alì, 50, detto “Turi alivu”, già detenuto; Francesco Anastasi, 47; Anna Bassetta, 57, per la quale è stata disposta la misura dell’obbligo di dimora; Giuseppe Crisafulli, 54, già detenuto; Maurizio Crisafulli, 44; Bruno Graziano Denaro, 23; Antonino Di Benedetto, 26; Giovanni Di Martino, 22; Agatino Di Mauro, 51, detto “u bummularu”; Concetto Di Mauro, 30; Giuseppe Di Mauro, 27; Giuseppe Di Mauro, 24, detto “Pierino”; Vincenzo Di Mauro, 21, già sottoposto agli arresti domiciliari; Alfio D’Ignoti Parenti, 23, già detenuto; Salvatore Flora, 23; Daniele Gagliano, 27; Mirko Orazio Gravino, 23; Andrea Greco, 39; Domenico Leonardi, 36; Manuele Lopis, 25, già detenuto; Mario Marghella, 43; Salvatore Mascali, 27; Alfio Mirko Maugeri, 25; Francesco Maugeri, 24; Gaetano Monteforte, 30; Gaetano Moschell, 58, già detenuto; Giovanni Munzone, 32, detto “Occhi azzurri”; Luigi Nicolosi, 33, già detenuto; Sergio Orazio Pacifico, 37; Filippo Antonio Palla 29, già detenuto; Vincenzo Pamtellaro, 32, detto “Giocattolo”, per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari; Maria Grazia Pastura, 42, per la quale sono stati disposti gli arresti domiciliari; Concetto Questorino, 31; Mario Ruscica, 29, detto “Testa rossa”, già detenuto; Alessandro Giuseppe Strano, 32; Fortunato Tiplica, 40, già sottoposto agli arresti domiciliari; Orazio Toscano, 21; Filippo Agatino Urzì, 39; Gaetano Venuto, 23, già detenuto; Mario Vinci, 31; Sebastiano Viscuso, 37, “Iano feti vivu”, già detenuto. Tra gli indagati anche due donne: una di loro portava il figlio, 31enne, a spacciare, come se lo accompagnasse al lavoro. Il gruppo aveva una cassa comune per pagare gli stipendi e sostenere le famiglie dei detenuti. Durante alcuni arresti in flagranza di reato i capi intervenivano per placare i loro spacciatori, per evitare loro maggiori problemi giudiziari. Le indagini della squadra mobile della Questura sono state coordinate dal procuratore Giovanni Salvi, dall’aggiunto Amedeo Bertone e dai sostituti Pasquale Pacifico e Susanna Musella.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook