Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: CROCETTA PRESSA PER ABOLIZIONE PROVINCE

REGIONE SICILIANA: CROCETTA PRESSA PER ABOLIZIONE PROVINCE

“Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta accelera l’iter per l’abolizione delle province. Crocetta porrà come esigenza prioritaria alla maggioranza dell'Ars la discussione in aula del disegno di legge sui liberi consorzi: Con una nota interviene affermando la sua massima convinzione che prevarrà il senso di responsabilità di tutti."

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana.  Domani è stato programmato un incontro con il gruppo del Partito Democratico all’Ars e poi mercoledì con la coalizione di maggioranza. Per l’occasione il presidente Crocetta ha annunciato l’intenzione di porre come esigenza prioritaria quella di portare immediatamente in aula il ddl elaborato dalla commissione affari istituzionali sui liberi consorzi e già emendato dal governo. In una nota Crocetta ha affermato che: “la Sicilia deve diventare una Regione modello, eliminando sprechi e strutture inutili senza cedere a campanilismi, attuando così lo Statuto siciliano. Interrompere tale lavoro significherebbe non cogliere l’attuale fase della storia che ci chiede un profondo cambiamento”. In buona sostanza il presidente ha concluso dicendo: “Sono convinto che nella politica siciliana prevarrà quel senso di responsabilità collettivo, che chiede a tutti noi di fare solo il nostro dovere. La Regione Siciliana  è sulla buona strada, sta tagliando sprechi e attuando riforme attraverso il lavoro congiunto del Governo e  del Parlamento”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook