Archiviato in | Politica, Politica Regionale

PALERMO: PD, FARAONE, “CON CROCETTA NESSUNA VERA RIVOLUZIONE”

PALERMO: PD, FARAONE, “CON CROCETTA NESSUNA VERA RIVOLUZIONE”

“Il leader dei renziani in Sicilia, Davide Faraone lancia la campagna per il congresso regionale del Pd e rivolgendosi al presidente dice: "Fino a oggi solo continuità con un passato che non ci piace”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Il leader dei renziani in Sicilia, Davide Faraone con un documento in 10 punti, lancia la campagna per il congresso regionale del Pd, che dovrebbe tenersi il 16 febbraio. Con il documento, Faraone avverte il presidente Rosario Crocetta: “O si cambia o si va al voto”. Il Presidente crocetta che si considera”l’unico rottamatore” nell’Isola aveva auspicato le dimissioni del delfino di Renzi per il suo coinvolgimento nell’inchiesta sulle ‘spese pazze’ all’Assemblea siciliana,ma Faraone passa al contrattacco con una nota e dice: “Ci prepariamo al congresso regionale e ovunque sentiamo parlare di rimpasto. Rimpasto, rimpasto, rimpasto. L’unico rimpasto che noi dobbiamo augurarci è un rimpasto di idee e di programma nella politica regionale. Fino ad oggi niente rivoluzione, solo tanta continuità con un passato che non ci piace”. Quindi o si cambia o in Sicilia meglio tornare al voto, questo galleggiamento non serve a nessuno”. Nel suo programma, Faraone fa una sorta di lista della spesa: “delle cose da farsi subito e delle cose che dovrebbero farsi in un tempo un po’ più lungo, 4 anni non di più”: una nuova geografia politica, meno costi della politica, meno burocrazia con una Regione trasparente e accessibile con un clic, con la cultura si mangia, jobs act Sicilia, formazione e innovazione, diritti-garanzie e servizi pubblici per ‘la sfida del welfare perfetto’, mobilità e città da vivere, il mare e la terra, fiscalità.

Poi interviene: “A quanti mi chiedono: si fa il rimpasto? Chi è il candidato segretario? Chi diventa assessore? Ecco – aggiunge Faraone – a tutte queste domande io vorrei rispondere con una voce sola: il nostro candidato, il nostro assessore, sono le nostre proposte per imprimere una svolta alla politica siciliana, un’accelerazione necessaria all’agenda di governo. Nessuno si senta escluso è un documento aperto, politico, che diventerà un vero e proprio documento tecnico – continua Faraone –  L’obiettivo è cambiare la Sicilia subito, rendendo semplice il sistema ed efficaci le organizzazioni e i territori, incentivando la voglia di fare e rendendo la Sicilia terra di ricchezza. E allora basta ideologia e mettiamoci sotto”. Dopo le indicazioni del programma spiegato nel documento, una ‘stoccata’ probabilmente indirizzata a Crocetta, che lo aveva invitato a dimettersi dalla segreteria del Pd per il suo coinvolgimento nell’indagine sulle spese pazze all’Ars, anche se Faraone nel documento non cita espressamente il presidente della Regione siciliana precisa: “Aspettiamo serenamente che si chiudano le indagini della magistratura, sapremo chi erano i pazzi e chi no. Massima fiducia, se qualcuno ha rubato è giusto che paghi. La cattiveria degli sciacalli è pari alla cattiveria dei mafiosi, noi siamo diversi da loro”.

Una risposta a “PALERMO: PD, FARAONE, “CON CROCETTA NESSUNA VERA RIVOLUZIONE””

  1. Alessandro Jeni ha detto:

    Mette grave tristezza Faraone che dopo avere ricevuto l’avviso di garanzia, perché sospettato di gravi ruberie e di avere abusato dei fondi del PD per scopi voluttuari e personali, in spregio alla fame ed alla disperazione della gente siciliana, si permetta il lusso di contestare il Presidente Crocetta.
    Persino chi parteggia per le opposte fazioni politiche, riconosce in Rosario Crocetta uno dei più valorosi e prolifici uomini politici italiani, che ha fatto della lotta contro la mafia il proprio credo, e sta lottando strenuamente per cambiare il dna di quella Sicilia malata di corruzione e malaffare, per traghettare la nostra regione nella legalità e nello sviluppo.
    Se Faraone avesse un minimo di dignità e di onestà intellettuale, date le accuse penali che ha ricevuto, anziché contestare la valorosa opera di onesti servitori dello Stato, avrebbe dovuto dimettersi da ogni carica istituzionale e andare in esilio.
    Tutto ciò, mi fa pensare che Faraone sia troppo attaccato alla propria poltrone ed al proprio stipendio di deputato nazionale per seguire le regole di un’onesta morale

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook