PALERMO: MUORE BIMBO MALATO. GENITORI CHIEDEVANO METODO STAMINA

PALERMO: MUORE BIMBO MALATO. GENITORI CHIEDEVANO METODO STAMINA

“Si chiamava Manuele Costantino aveva 8 anni e soffriva della Sindrome di Cednik. La malattia di cui soffriva è presente in tutto il mondo solo su sette casi. Il bimbo, lo scorso ottobre aveva preso parte alla manifestazione davanti alla sede della Regione. In una nota il vicepresidente del Movimento Vite Sospese interviene denuncia che la sua pagina facebook è diventata: "un cimitero dove quasi quotidianamente annuncio la morte di qualcuno"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Si chiamava Manuele Costantino il bimbo aveva 8 anni è morto a Palermo. Era affetto da una malattia rara che ha colpito solamente sette bambini in tutto il mondo. I genitori di Manuele chiedevano da tempo di accedere alle cure con il metodo Stamina di Vannoni. Lo ha annunciato su Facebook il presidente di “Sicilia Risvegli Onlus” e vice presidente del Movimento Vite Sospese, Pietro Crisafulli. Il responsabile delle associazioni ha rivolto un appello a Papa Francesco: “Metta a disposizione il suo ospedale. Non c’è più tempo da perdere, qui muoiono donne, uomini e bambini”. Crisafulli ha evidenziato come la sua pagina sul social network stia diventando “un cimitero dove quasi quotidianamente annuncio la morte di qualcuno”. il 29 ottobre scorso, Manuele, che soffriva della Sindrome di Cednik, aveva partecipato, insieme alla mamma, a una manifestazione organizzata a davanti alla sede della Regione Siciliana, a Palermo. Nella sua denuncia il presidente di “Sicilia Risvegli Onlus” ha aggiunto: “Ricordo perfettamente  gli occhi di quel bambino che voleva vivere, ricordo le nostre richieste di aiuto con il megafono, le nostre suppliche ai politici affinché si attivassero per aiutare questa famiglia lasciata sola e senza assistenza. Qui stanno morendo tutti. È ora finirla con questa strage di bambini e adulti”. Poi Crisafulli conclude scrivendo che: “A fine mese insieme ad altre famiglie, incontreremo in Israele alcuni medici in modo da permettere a diversi malati, alcuni dei quali siciliani, di fare le cure con staminali, anche se con un altro metodo, e questa volta, a pagamento. Siamo stanchi di aspettare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook