FONDI ARS: UN DEPUTATO SU TRE È INDAGATO

FONDI ARS: UN DEPUTATO SU TRE È INDAGATO

“Nel mirino dei magistrati buona parte del Consiglio di presidenza dell’Ars. Risultano così 31, su 90, i politici coinvolti nell'indagine della Procura di Palermo sulle spese illecite dell’Assemblea Regionale Siciliana. Sotto accusa altri 53 ex onorevoli non rieletti e 13 persone tra dipendenti stabilizzati e consulenti”.

Print Friendly, PDF & Email

Fondi Ars. Da un esame statistico risulta che un terzo del Parlamento siciliano è sotto inchiesta. Altri 53 politici indagati sono ex onorevoli non rieletti in questa legislatura, poi ci sono altre 13 persone tra dipendenti cosiddetti stabilizzati dell’Ars e consulenti.  Attualmente sono 31, su 90, i deputati regionali in carica coinvolti nell’indagine della Procura di Palermo sulle spese illecite dei gruppi parlamentari.  Coinvolto anche buona parte del Consiglio di presidenza (6 componenti su 11) a cominciare dal presidente dell’Assemblea, Giovanni Ardizzone (Udc), e dal suo vice Salvatore Pogliese (Pdl-Fi). Indagati anche due parlamentari su tre incaricati a tenere i conti dell’Ars: i questori Franco Rinaldi del Pd e Paolo Ruggirello di Articolo 4. Mentre sono 2 i deputati-segretari su 5: Dino Fiorenza del Mpa-Pds e Orazio Ragusa Udc. Tutti dovranno rispondere alle accuse formulate dagli inquirenti. Questi i gruppi all’interno dei quali risultano i deputati indagati: 6 su 8 Articolo quattro; 4 su 6 nel Mpa-Pds incluso il capogruppo Giovanni Di Mauro; Pd 9 su 19, compreso il capogruppo Baldo Gucciardi; Pdl 2 su 10; Udc coinvolti 4 parlamentari su 10; 2 su 4 Pid-Grande sud tra cui il capogruppo Toto Cordaro; 2 su 5 i Democratici e riformisti per la Sicilia compreso il presidente Giuseppe Picciolo; 2 su 6 nel Misto. Dieci sono i gruppi parlamentari con deputati indagati mentre Tre risultano senza indagati e sono: Cinquestelle, Megafono e Lista Musumeci. Sono sei gli indagati che ricoprono anche il ruolo di presidente di commissione: Affari istituzionali, Bilancio, Attività produttive, Sanità, Ue, Regolamento e Verifica poteri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook