Archiviato in | Politica, Politica Regionale

FONDI ARS: PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA SENTITO IN PROCURA

FONDI ARS: PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA SENTITO IN PROCURA

“Il presidente dell'assemblea regionale: "Bisogna differenziare le spese lecite da quelle illecite". L'ex deputato regionale Salvino Pantuso: "Non ho ricevuto avvisi di garanzia ma ho letto dai giornali che sarei indagato, vorrei capire per cosa": Il procuratore Agueci: "Siamo solo alla fase iniziale"

Print Friendly, PDF & Email

Fondi Ars. Tra gli indagati nell’inchiesta sull’uso illegittimo dei fondi per i gruppi dell’Ars, anche il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, il quale, si è presentato dal procuratore di Palermo Franceso Messineo e l’aggiunto Leonardo Agueci. A margine dell’audizione Ardizzone ha spiegato: “Sono venuto in Procura per confermare la massima collaborazione degli uffici dell’Ars alla magistratura per chiarire tutte le questioni tecniche su cui si dovranno fare accertamenti”. Ardizzone si è recato in Procura nella veste istituzionale di presidente dell’Assemblea: ma risulta anche personalmente tra gli indagati nell’inchiesta. Ardizzone ha definito l’incontro con i magistrati cordiale e ha aggiunto che: “C’è la necessità di accelerare le indagini perché la serenità serve a tutti e per fare la differenza tra le spese lecite e quelle non consone alla politica, che certamente non fanno onore a chi le ha fatte”. Dopo l’audizione del presidente dell’Ars Ardizzone, si è presentato in Procura anche l’ex deputato regionale Salvino Pantuso, il quale ha riferito ai giornalisti: “Non ho ricevuto avvisi di garanzia ma ho letto dai giornali che sarei indagato, vorrei capire per cosa”. L’ex parlamentare del Pd, che appariva molto turbato, non è riuscito però a parlare coi pm che erano impegnati in riunione.

Sicuramente il grosso quantitativo di documenti analizzati in due anni dalla Guardia di finanza saranno inviati alla Corte dei Conti. Le Fiamme gialle, che hanno condotto l’inchiesta hanno chiesto alla procura di Palermo l’autorizzazione a inviare materiale alla magistratura contabile che dovrà valutare l’esistenza o meno di un danno erariale. Il procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci in merito all’inchiesta che ha determinato l’iscrizione nel registro degli indagati per peculato di 83 deputati e 14 consulenti e dipendenti del Gruppi ha detto: “Siamo in una fase assolutamente iniziale dell’indagine. Ora dovremo valutare i singoli episodi che hanno destato dubbi negli inquirenti”. Gli investigatori cominceranno con l’interrogare i 13 capigruppo  ha sottolineato Agueci perché: ” le spese transitavano da loro”. L’inchiesta è complessa infatti la zona grigia tra il lecito e l’illecito è ampia. La legge, stabiliva che i fondi dovessero essere usati per l’attività politica dei Gruppi, un concetto tutto da interpretare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook