Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CICLONE GIUDIZIARIO ALL’ARS: 97 INDAGATI

CICLONE GIUDIZIARIO ALL’ARS: 97 INDAGATI

“La Procura di Palermo ha aperto un fascicolo sull'uso illecito dei fondi destinati ai gruppi parlamentari nelle ultime due legislature con l'accusa di peculato. Sono coinvolti nell’inchiesta 83 deputati regionali e 14 tra consulenti e tecnici, tra i nomi anche Faraone (responsabile Welfare di Renzi) e l'ex governatore Lombardo. Duro il commento dei cinquestelle: "ancora una volta l'onorabilità e l'integrità delle istituzioni sono rimesse nelle mani della magistratura", mentre il presidente Crocetta ha esclamato “il passato ci rincorre””

Print Friendly, PDF & Email

Ciclone giudiziario all’Ars. Anche la Sicilia, così com’era accaduto nelle altre regioni d’Italia fa scomodare la magistratura per indagare sul comportamento dei deputati regionali. Il procuratore aggiunto Leonardo Agueci e i sostituti Maurizio Agnello, Luca Battinieri e Sergio Demnontis con i loro tempi hanno esaminato con cura i faldoni di carte sequestrate dai finanzieri del gruppo tutela spesa pubblica. E a giudicare dagli atti, altro che tutela della spesa. I tredici capigruppo della scorsa legislatura dovranno ora rendicontare ai giudici il loro operato. L’inchiesta coinvolge tutto l’arco parlamentare, infatti hanno ricevuto l’avviso di comparizione davanti ai pm.  Per la procura il lavoro comincia il 24 gennaio con Francesco Musotto. La lista delle spese illecite dei deputati dell’Ars è lunga e ricorda quelle dei loro colleghi consiglieri regionali di mezza Italia finiti sotto inchiesta per l’uso illegittimo dei fondi destinati ai Gruppi. Borse Hermes e Vuitton, cravatte, biancheria intima griffata, gioielli e regali. E ancora soggiorni in alberghi extralusso, auto e persino gli scontrini della mancia al bar. A individuare lo scandalo della politica regionale la guardia di Finanza.

Nel mirino della magistratura sono finiti 83 parlamentari siciliani, 14 consulenti e dipendenti dei Gruppi tutti finiti nel registro degli indagati, con l’accusa di peculato. Tra gli inquisiti anche il responsabile Welfare della segreteria nazionale del Pd Davide Faraone e l’ex governatore Raffaele Lombardo. Gli investigatori hanno analizzato i conti della scorsa legislatura e di quella precedente, quando i Gruppi non dovevano rendicontare le cosiddette spese di segreteria. In due anni di un’inchiesta conoscitiva avviata dalla Procura dopo il caso Fiorito, la Finanza ha passato al setaccio migliaia di fatture, scontrini e documenti che avrebbero consentito a decine di deputati regionali di intascare circa 10 milioni di euro di rimborsi, secondo gli inquirenti, non dovuti.

Sono 13 i deputati, tutti capigruppo, sono stati notificati inviti a comparire lunedì davanti ai Pm di Palermo, l’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto di Palermo Leonardo Agueci: verranno sentiti dai pm Innocenzo Leontini, Rudy Maira, Cataldo Fiorenza, Giulia Adamo, Nunzio Cappadona, Antonello Cracolici, Francesco Musotto, Nicola Leanza, Nicola D’Agostino, Giambattista Bufardeci, Marianna Caronia, Paolo Ruggirello, Livio Marrocco. Molto più lunga la lista degli indagati in cui compaiono anche l’ex presidente dell’Ars Francesco Cascio e il segretario regionale del Partito Democratico Giuseppe Lupo. Gli altri parlamentari sotto inchiesta sono: l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo e l’ex presidente dell’Ars Francesco Cascio con i deputati Nino Dina, Salvatore Cordaro, Gaspare Vitrano, Massimo Ferrara, Franco Mineo, Giuseppe Lupo, Bernardo Mattarella, Cateno De Luca, Riccardo Savona, Paolo Ruggirello, Salvino Pantuso, Carmelo Curenti e Alessandro Aricò.

La notizia degli avvisi di garanzia per l’inchiesta della Procura di Palermo sulle spese dei gruppi parlamentari si è diffusa in aula durante l’esame della manovra finanziaria. Il terremoto politico si percepiva nell’aria. Poi quando è giunta la notizia ufficiale di colpo l’aula dell’Assemblea e i corridoi del palazzo si sono svuotati. Il presidente Rosario Crocetta ha appreso la notizia anch’egli durante i lavori, mentre si trovava nella stanza del governo di palazzo dei Normanni, assieme ad alcuni assessori e dirigenti della Regione, con i quali era impegnato nella stesura degli ultimi emendamenti alla finanziaria. Crocetta a margine della riunione in corso ha detto poche parole: “il passato ci rincorre”, preferendo non aggiungere altro sul ciclone politico-giudiziario che coinvolge alcuni attuali parlamentari della maggioranza. Poi aggiunge:”Dobbiamo chiudere la finanziaria”.

In merito all’inchiesta piombata all’Ars il presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Giovanni Ardizzone ha assicurato: “Massima collaborazione alla magistratura, verso cui abbiamo piena fiducia. Se ci saranno responsabilità personali e penali andranno individuate e punite. Certamente non ci voleva in questo momento in cui stiamo cercando di dare il meglio di noi stessi. Tutto quello che c’era da fare per adottare regole rigide lo abbiamo fatto. Chi ha sbagliato dovrà pagare. Apprendo di essere indagato per una cifra di 2.090 euro, se fosse così si tratterebbe della somma pro-capite rispetto a un rimborso totale di 4 mila euro, pagata dal gruppo Misto. Sono pronto a giustificarne la tracciabilità, se poi c’è altro non so. Ma desidero che si faccia chiarezza presto”.

Intanto, infuria l’ira dei cinquestelle per l’accaduto. In una nota del gruppo all’Assemblea si legge: “Ancora una volta l’onorabilità e l’integrità delle istituzioni sono rimesse nella mani della magistratura. Non conosciamo, se non per via di fonti giornalistiche, le accuse avanzate nei confronti dei politici indagati. È evidente, comunque, come rappresentato a più riprese nel corso di questa legislatura, la necessità di un intervento legislativo deciso per mettere fine al malcostume nelle gestione dei soldi dei cittadini”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook