Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BLITZ DEI CARABINIERI, ANNIENTATO IL FORTINO DELLA DROGA

CATANIA: BLITZ DEI CARABINIERI, ANNIENTATO IL FORTINO DELLA DROGA

"Leo121" è il nome del maxi-blitz nel quale sono stati impegnati oltre 300 carabinieri, i quali hanno operato nel quartiere San Giovanni Galermo a Catania. La zona era il centro dello spaccio cittadino. Sono stati adottati provvedimenti per 47 persone, compresi minorenni. La base era situata in via Capo Passero, dove logisticamente era facile la possibilità di fuga”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. E’ stata annientata una vera e propria multinazionale dedita al commercio di stupefacenti. Il fortino della droga è stato smantellato dai carabinieri di Catania con un’operazione chiamata ‘Leo 121’ che ha determinato l’applicazione di provvedimenti restrittivi a 40 persone, compresi alcuni minorenni, mentre altri sette indagati sono attualmente irreperibili. Le indagini dei militari dell’Arma sono state denominate ‘Leo’ dal nome di un cane randagio che controllava l’ingresso di una casa ma che era anche l’allarme in codice per gli spacciatori. Le indagini sono state coordinate dal procuratore capo Giovanni Salvi e hanno portato all’arresto in flagranza in un anno di attività di 44 persone. Il gip Loredana Valeria Pezzino ha disposto anche il sequestro preventivo di sei auto e 4 scooter Honda Sh. Durante l’operazione i carabinieri hanno anche fermato due persone per evasione dai domiciliari e detenzione di una pistola cal. 7.65 sequestrando inoltre circa seimila euro in contanti ritenuti provento dello spaccio.

Nel maxi-blitz sono stati impiegati oltre Trecento militari. Così è stata annientata una società che fatturava incassi da 15-20 mila euro al giorno con un giro d’affari annuo di circa sei milioni di euro. L’impresa del malaffare aveva il quartier generale nel rione alla periferia nordovest di Catania, considerata la più grossa impresa di droga in città. Tra le palazzine di via Capo Passero nel rione di San Giovanni Galermo, una cellula mafiosa composta da oltre 40 elementi, oltre a sette minorenni, riconducibili alla famiglia di Cosa Nostra dei Santapaola-Ercolano faceva affari. Una catena di produzione che spacciava cocaina e marijuana dove ogni personaggio ricopriva un ruolo ben definito.

pregiudicati_arrestati_maxi_blitz_leo121La struttura era costituita da una fitta rete di pusher ai bordi della strada, i “cavalli” pronti ai rifornimenti, le “vedette” ma anche un contabile e alcuni uomini che si occupavano di “gestione del personale”. Tutto era organizzato fin nei minimi dettagli: dai turni che normalmente durante la settimana andavano dalle 15 alle 3 di notte, fino agli stipendi organizzati con l’utilizzo dei gettoni di presenza. Il guadagno giornaliero per una vedetta era di 70 euro mentre per i pusher incaricati della vendita al dettaglio il compenso arrivava fino a 150. Per sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine, oltre ai telefoni cellulari utilizzati appositamente durante i vari turni, erano stati allestiti anche dei “finti chioschi”, utilizzati per monitorare le rotonde che nella planimetria del quartiere consentono l’immissione fin dentro via Capo Passero. Era una struttura ‘aziendale’ a tutti gli effetti che attribuiva orari e compiti specifici a tutti i componenti. Infatti, all’altezza del civico 121 gli indagati avevano creato un redditizio centro di spaccio, grazie anche alla singolare topografia del territorio.

Il grosso giro d’affari fece nascere anche rivalità all’interno di gruppi mafiosi e in questo contesto, per i contrasti tra i clan dei Nizza e dei Mirabile, entrambi organici alla ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano, sarebbe maturata l’uccisione di Alessandro Ponzo, 26 anni, ucciso il 5 maggio del 2012, ritenuto il responsabile della ‘piazza’. Nonostante la sua giovane età i suoi funerali furono definiti quelli di un “piccolo re”, come scritto in un manifesto. Dal giorno dell’omicidio, fino alle esequie, per rispettare il lutto, lo spaccio di droga fu sospeso. Però Il delitto non è contemplato in questa inchiesta, ma in un altro fascicolo con indagini delegate alla squadra mobile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook