Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: FINANZIARIA, SPUNTA L’ART. 46. DEPUTATI IN RIVOLTA

ARS: FINANZIARIA, SPUNTA L’ART. 46. DEPUTATI IN RIVOLTA

“L’assemblea Regionale Siciliana non è ancora riuscita ad approvare la legge di stabilità. I lavori si sono arenati durante il tentativo del governo di portare in Aula un maxi-emendamento composto da 51 commi, tra i quali quelli che prevedevano la riforma delle Partecipate e il mutuo per il "salvaimprese". E così, l'esame slitta ancora. La manovra proposta era considerata supplementare con la presentazione di 51 commi aggiuntivi all'articolo 46. E tra le norme, è stato inserito davvero di tutto. I deputati: "Non possiamo votare ciò che non conosciamo". Dopo la reazione dell'Aula, dove si è persino parlato di "golpe", Crocetta pronto a rinunciare a molti di questi articoli. Dovrebbe puntare su partecipate, mutuo e riduzione dei cda. Mentre sono stati approvati gli articoli che riguardano i Comuni, i fondi per Teatri e sport e una norma che estende ulteriormente i benefici destinati alle coppie di fatto. I deputati regionali del Movimento 5 stelle si sono irritati per "l'ultima trovata del governo Crocetta che riscrive praticamente una nuova manovra, infilandoci di tutto. Compresa la norma che rischia di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia". I grillini si oppongono con un emendamento”

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Proprio quando si stava lavorando all’approvazione della legge di stabilità è spuntata una Finanziaria parallela. E’ uscita fuori nelle ore in cui i deputati cercavano di giungere all’approvazione della legge esaminata quando ormai il limite massimo del 31 dicembre è stato sforato da due settimane. Sono 51 commi. Che si aggiungono all’articolo 46, che ne conteneva 21. Quindi, un maxi-articolo da 72 commi che avrebbe dovuto portare all’approvazione di alcune riforme importanti come quelle delle Partecipate che saranno ridotte a 10, col “salvataggio” del Maas, inizialmente votato a chiudere i battenti. Il presidente in merito precisa che “si tratta di una società peculiare, impossibile da fondere con altre”. All’interno anche interventi molto discussi, come il mutuo da quasi un miliardo per pagare i debiti con le imprese siciliane che crocetta spiega e precisa: senza aumentare l’Irpef e pagando il mutuo attraverso risparmi di spesa. Una volta introdotto in aula per la votazione quel maxi-articolo, i deputati in aula si sono ribellati. Non solo l’opposizione, ma anche una parte della maggioranza. Norme che in alcuni casi rappresentano vere e proprie riforme, nonostante l’apparenza di un innocuo “comma”. Così, la discussione si è stoppata a tarda notte.

Intanto l’Assemblea aveva votato un altro discusso articolo. Quello che riguarda i Comuni. infatti la norma destina l’8,47% dell’Irpef ai Comuni siciliani. Quindi, una parte di quei soldi sarà inserito in un Fondo perequativo vincolato a specifici obiettivi individuati dall’amministrazione regionale. In programma anche la creazione di un Fondo da 60 milioni per gli investimenti, 20 milioni per integrare le spese per il ricovero dei minorenni, e altri 15 milioni per il ricovero dei disabili psichici. Per questo motivo è stato azzerato il Fondo per le autonomie per una somma di circa 650 milioni. E’ stato previsto anche uno strumento per la “salvaguardia degli equilibri finanziari” degli enti locali. Così ai Comuni, nel rispetto delle norme previste dal decreto Monti sulla revisione di spesa, saranno destinati un massimo di 5 milioni.

Approvato, inoltre, un pacchetto di norme a sostegno dei teatri, dello sport e dello spettacolo. In tre articoli differenti, prevista la creazione del Fores (Fondo regionale per lo spettacolo), un Fondo di rotazione da 15 milioni, che servirà per la ristrutturazione del debito di enti, Teatri e Fondazioni pubbliche. Mentre i contributi allo sport porteranno alle società siciliane e alle associazioni complessivamente 4,6 milioni. Un emendamento del deputato Ruggirello ha ampliato alle società di serie B i fondi (800 mila euro) inizialmente destinati alle società che militano nelle massime serie. Ne gioveranno, quindi, anche ad esempio le società calcistiche come il Trapani (società cara al parlamentare anche per motivi “familiari”) e il Palermo calcio. Approvati anche gli articoli 3 e 4 che intervengono sulla gestione dei residui attivi, passivi e perenti. “L’articolo 3 – ha spiegato l’assessore Bianchi in Aula – è molto innovativo soprattutto nel comma che prevede l’avvio, entro 30 giorni dalla pubblicazione, di un’operazione di rivisitazione e cancellazione dei residui attivi della Regione. E’ un’operazione di vera e propria ripulitura del bilancio”. Passa anche l’articolo sugli accantonamenti tributari, che nelle settimane scorse aveva sollevato non poche polemiche, e aveva portato qualche esponente della Commissione a parlare di un “buco in bilancio” da mezzo miliardo.

Poi la discussione sulle coppie di fatto. L’articolo 39, infatti, ha previsto l’ampliamento alle unioni civili e alle “famiglie monoparentali” dei benefici destinati alle famiglie “tradizionali”. Anche in questo caso, come detto, non sono mancate le polemiche. L’opposizione ha parlato di “norma spot”, anche perché non è previsto, nell’articolo, uno stanziamento esatto. Una norma che, sempre per l’opposizione, avrebbe chiari segni di incostituzionalità (infatti, la Costituzione riconoscerebbe il matrimonio, e non le coppie di fatto).

Intanto, nemmeno oggi si è arrivati alla conclusione. Ora, la discussione in aula comprende l’articolo 18. Altra norma al centro di polemiche e discussioni.  Sono norme di finanziamento di leggi che riguardano tutti i settori del bilancio regionale. E poi, come detto, sarà il turno della “Finanziaria ombra”. Piombata in Aula direttamente dalla mano del governo, senza nemmeno, in molti casi, sfiorare le commissioni di merito. Mentre Crocetta ribadisce con forza che: “quelle norme vanno approvate”. Il gruppo parlamentare all’Ars del Movimento 5 stelle boccia senza mezzi termini e denuncia “l’ultima trovata del governo, che riscrive praticamente una nuova manovra, infilandoci di tutto, dalla norme urbanistiche al maxi mutuo da un miliardo e che ripesca pure norme cassate in commissione Bilancio, come quella che rischia di sanare numerosi edifici abusivi in Sicilia. Dopo la tabella H dello scorso anno, l’articolo 46 oggi. Tra le pieghe della Finanziaria una nuova porcata ad personam che bypassa le commissioni e mostra l’arroganza di questo governo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook