Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: ATALANTA – CATANIA 2-1

CALCIO SERIE A: ATALANTA – CATANIA 2-1

L'Atalanta batte con difficoltà un ottimo Catania che fa ben sperare. Nella prima giornata del girone di ritorno i rossoazzurri ospiteranno la Fiorentina.

Print Friendly, PDF & Email

Sono le 14.55 quando sono comunicate le formazioni ufficiali:

Atalanta (4-4-1-1): Sportiello; Benalouane, Lucchini, Stendardo, Brivio; Brienza, Migliacico, Cigarini, Bonaventura; Moralez; Denis. Allenatore: Colantuono.

Catania (4-3-3): Frison; Peruzzi, Spolli, Rolin, Biraghi; Izco, Lodi, Plasil; Barrientos, Bergessio, Castro. Allenatore: De Canio.

Pesanti le assenze di Consigli e Carmona per i bergamaschi, mentre ancora fuori per scelta tecnica Maxi Lopez. Inizia la sfida salvezza Atalanta – Catania. 8′ minuto di gioco, si accende il “Pitu” Barrientos, che si accentra ci prova col sinistro ma il debuttante Sportiello salva con un tuffo, si presenta bene alla Serie A il numero 37 atalantino. 9′ terzo calcio d’angolo a favore del Catania che parte veramente forte, alla battuta Plasil che batte dietro per Biraghi ma lo schema non riesce, occasione sfumata. Brivido per l’Atalanta, calcio di punizione calciato dal solito Lodi, la deviazione di Bonaventura però si spegne sul fondo, ennesimo calcio d’angolo rossoazzurro. Partita giocata con grande personalità dal Catania, ma le conclusioni di Castro e Bergessio fin’ora non possono spaventare Sportiello. 27′ Lodi la mette dentro da calcio d’angolo, esce Sportiello e Rolin non c’entra la porta di un metro, ma il gioco è fermo per fallo sul portiere, fallo inesistente. Occasionissima Catania, contropiede perfetto da parte del Catania con Plasil che serve Bergessio, il quale serve a sua volta Castro che si allunga male la palla e spreca un’occasionissima rossoazzurra. 32′ Lodi fa tremare i bergamaschi con un sinistro forte ma troppo centrale, Sportiello devia in calcio d’angolo. Colantuono è una furia, l’Atalanta non riesce a produrre gioco, il Catania gioca bene ma è altamente impreciso. Scossa dell’Atalanta al 37′, Franco Brienza ci prova con un sinistro potente ma impreciso, trema Frison. Ancora Atalanta, 38′ si accentra Bonaventura che serve Benalouane che ci prova con un destro al volo, ma il suo tentativo è deviato, secondo calcio d’angolo a favore dei neroblu. Ci prova Brivio di testa sul cross dalla destra, ma il suo tentativo finisce fuori alla sinistra di Frison quando siamo al 45′. Un minuto di recupero. Termina qui con uno 0-0 tutto sommato giusto, prima parte di gara a favore dei rossoazzurri. Resta la seconda frazione di gioco dove sicuramente le due formazioni daranno il massimo per trovare i tre punti, il pareggio fondamentalmente non serve a nessuno.
Inizia il secondo tempo nessun cambio per entrambe le formazioni, il Catania continua con il solito 4-3-3, contro il 4-4-1-1 di Colantuono. Si inizia con le due formazioni che si studiano ma non riescono a rendersi pericolose. Si sveglia il giocatore con maggior talento dell’Atalanta, Jack Bonaventura si accentra la sfera, salta tutti e prova con un destro a chiudere sul scondo palo ma Frison è bravissimo a mettere il pallone in calcio d’angolo. Si sveglia il Catania al 14′ con Peruzzi che tira a botta sicura, dopo un cross di Castro deviano, ma Lucchini compie un mezzo miracolo e la mette in calcio d’angolo, ennesimo per i rossoazzurri. 20′ cross dalla sinistra, stop del solito Bonaventura, Biraghi entra in maniera scomposta ed è calcio di rigore per l’Atalanta. Si presenta Denis sul dischietto ed è 1-0 Atalanta, esecuzione impeccabile. Errore davvero ingenuo da parte di Biraghi che commette fallo sull’attaccante di spalle alla porta. Ammonito Luca Cigarini al 26′. Prima sostituzione della gara, fuori Biraghi entra Sebastian Leto, cambia il modulo del Catania che si presenta con 4 attaccanti. Ci prova il Catania al 30′ con Spolli che su azione di calcio d’angolo si coordina ci prova col destro ma il suo tentativo si spegne sul fondo. Sportiello strepitoso, parata plastica al 31′ su un sinistro da parte del “Pitu” Barrientos, Catania tutto in avanti mentre la nebbia continua a scendere e la visibilità scarseggia. Ammonito anche il Pitu Barrientos al 35′ per proteste dopo un contatto molto dubbio in area neroblu con Migliaccio. Altro cambio per il Catania entra Kinglsey Boateng che torna in campo dopo il lungo stop ed esce Mariano Izco al 36′. Cambio anche per l’Atalanta esce Luca Cigarini ed entra Baselli al 38′. Ci prova ancora Bonaventura che la stoppa col destro e ci prova col mancino, ma il suo tentativo è troppo alto per impensierire Frison. Super gol di Maxi Moralez al 41′, vola il numero 11 bergamasco che salta con facilità estrema Rolin e col mancino sigla il 2-0 per l’Atalanta, e si regala il suo terzo gol in stagione e i tre punti all’Atalanta. Il Catania non ci sta ed al 44′ trova il gol con Leto che con un mancino preciso accorcia le distanze e adesso per il Catania bisogna provare il tutto per tutto. Tre minuti di recupero. Occasionissima per i rossoazzurri: Bergessio, col sinistro si coordina e Boateng corregge la sua conclusione,  ma il suo colpo di testa non riesce ad arrivare in rete. termina una partita molto bella ma non si sa quanto giusta nel risultato. Adesso per i siciliani arriva la Fiorentina in casa, il discorso salvezza è ancora aperto e i presupposti per acciuffarla ci sono. Con forza e coraggio, ormai anche gli attaccanti hanno ripreso a segnare. La prova con i viola sarà davvero la prima delle 20 finali nel girone di ritorno.

Tabellino

Arbitro

Davide Massa della sezione di Imperia

Marcatori

66′ Denis (R),

Ammoniti

6′ Benalouane (A), 44′ Lodi (C), 71′ Cigarini (A).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook