Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: AGGREDITO ATTIVISTA SEL MENTRE SCATTAVA FOTO NEL QUARTIERE LIBRINO

CATANIA: AGGREDITO ATTIVISTA SEL MENTRE SCATTAVA FOTO NEL QUARTIERE LIBRINO

“Luciano Bruno collaboratore de "I siciliani giovani" aveva quasi finito un servizio per la rivista dove collabora. Mentre si accingeva a scattare foto al palazzo di cemento che si trova nel quartiere librino, sei persone lo hanno circondato e minacciato con un'arma da fuoco. Poi lo hanno aggredito e pestato selvaggiamente causandogli la rottura di un dente. Nota di solidarietà della Cgil”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Luciano Bruno iscritto a Sel e collaboratore della rivista “I Siciliani Giovani” ha subito una violenta aggressione mentre si trovava nel quartiere Librino a Catania. Il fatto è avvenuto venerdì mattina mentre stava scattando fotografie nel quartiere, quando sei uomini lo hanno circondato e minacciandolo con una pistola lo hanno picchiato selvaggiamente fino a causargli la rottura di un dente. A diffondere la notizia, la federazione catanese di Sel. Secondo quanto scritto dalla segreteria di Sel: “Gli aggressori hanno fatto intendere a Bruno di conoscere bene i suoi familiari, tanto da citarne i nomi, al fine di accrescere la carica intimidatoria del loro barbaro gesto. Siamo vicini a Luciano e alla sua famiglia. Bruno – hanno spiegato nella nota Francesco Alparone, coordinatore provinciale del partito ed Erasmo Palazzotto deputato Sel – ha dimostrato in questi anni con coraggio e passione l’amore per la sua città e per un quartiere, Librino, a cui ha dedicato tutta la sua vita, e di cui, attraverso le sue struggenti opere teatrali, ha raccontato lo stato di abbandono nelle mani della mafia. Esprimendo la nostra solidarietà – continuano nella nota – rinnoviamo il nostro sostegno a tutte le forme di contrasto alla mafia a partire proprio da quelle culturali e sociali in territori di frontiera come le nostre periferie. Ci auguriamo che presto anche tutte le istituzioni della città facciano la loro parte non lasciando solo chi come Luciano continua a lottare ogni giorno. Noi continueremo a lottare al suo fianco per la giustizia e la legalità nella città di Catania”.

Non è mancata la solidarietà degli esponenti della Cgil che hanno precisato: “Il pestaggio punitivo davanti al Palazzo di cemento per impedire a Luciano Bruno, collaboratore della rivista antimafia “I Siciliani Giovani”, di scattare foto, è la prova che non si può ancora parlare di sicurezza e legalità a Librino. Lo sgombero del Palazzo avvenuto due anni fa ha rappresentato un importante passo in avanti, ma i continui blitz delle forze dell’ordine in quella zona (con arresti e sequestro di droga e armi) dimostrano, come già asserito dal sindaco Bianco, che temi come legalità e sicurezza sono sempre all’ordine del giorno. La Cgil si stringe intorno alla vittima e alla redazione de I Siciliani, convinta che l’episodio sia da considerarsi una grave intimidazione a tutti gli effetti, ma siamo fiduciosi che le forze dell’ ordine -che hanno sempre funzione attiva- sapranno di nuovo colpire i fenomeni malavitosi e rafforzare il loro impegno, consapevoli che avranno sempre al loro fianco il mondo del lavoro e la Cgil che, in situazioni come queste, hanno sempre pagato un prezzo significativo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook