Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: BILANCIO SOSPESO PER IL VOTO FINALE

ARS: BILANCIO SOSPESO PER IL VOTO FINALE

“Seduta rinviata. Ancora niente accordo tra governo, maggioranza e opposizione sulla legge di stabilità. Approvati taglia alla sanità per oltre 100 milioni. Non passa l’emendamento del movimento cinquestelle sul budget destinati all'assemblea. Battibecco tra Gianina Ciancio (M5s) e il presidente Ardizzone”.

Print Friendly, PDF & Email

Ars. L’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il bilancio interno, che ammonta a 149 milioni di euro (tre in meno rispetto all’esercizio precedente), e il rendiconto 2012 dell’assemblea. Il voto finale è stato sospeso in attesa dell’esame della legge di stabilità, sulla quale non c’è ancora un accordo tra governo, maggioranza e opposizione. Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha rinviato la seduta parlamentare alle 12 di domani che riguarda l’approvazione in toto del bilancio. Nel corso del dibattito sulla norma della legge di stabilità che prevede la riduzione delle royalties dal 20 al 13 per cento per le estrazioni, il Parlamento siciliano si è fermato per una sosta e riprenderà domani. La Legge di stabilità procede con i conti del governo Crocetta alle prese con la quadratura dei calcoli che ancora non tornano. Poi, norme indigeste a pezzi della maggioranza come quella sulle unioni civili e malumori sparsi tra deputati. Gli spazi di manovra restano davvero esigui. E ancora, l’amministrazione regionale per cercare di equilibrare il bilancio, ha tagliato altri 100 milioni alla sanità, suscitando la reazione in aula del presidente della commissione Sanità, Pippo Digiacomo (Pd), che ha criticato la scelta. I tagli riguardano le somme destinate alla definizione della mobilità sanitaria interregionale (15 mln) e le spese correnti delle Asp e delle aziende ospedaliere (84,7 mln).

Bocciato l’emendamento soppressivo dei cinquestelle che prevedeva la cancellazione dell’emendamento dell’amministrazione regionale che aumenta di 2 milioni i fondi per l’Assemblea (da 147 a 149 mln): 47 i voti contrari, 20 i favorevoli. A favore hanno votato 13 deputati M5s (assente in aula Valentina Zafarana), i parlamentari del Pdl Gorgio Assenza, Vincenzo Fontana e Vincenzo Vinciullo, gli autonomisti Giovanni Lo Sciuto e Giovanni Greco, il deputato Nello Musumeci e il democratico Gianfranco Vullo. Mentre dal versante dell’opposizione arrivano segnali distensivi, niente ostruzionismo in aula e dialogo. I gruppi di minoranza hanno avanzato un pacchetto-salvagente di proposte da inserire nella finanziaria, ricevendo la disponibilità da parte del governatore in una riunione informale che si è svolta nella stanza di Nello Musumeci, alla quale hanno preso parte anche il capogruppo del M5s Giancarlo Cancelleri, Marco Falcone del Pdl-Fi e Nino D’Asero del Nuovo centrodestra.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook