Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: RIFIUTI, SINDACO IN PROCURA APERTA UN’INCHIESTA

PALERMO: RIFIUTI, SINDACO IN PROCURA APERTA UN’INCHIESTA

“Il sindaco Leoluca Orlando ha consegnato un dossier sulle discariche abusive e sul lavoro svolto dai netturbini nel capoluogo siciliano. La magistratura apre una indagine per inquinamento ambientale in riferimento all'emergenza spazzatura”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Ieri la Procura ha aperto un fascicolo, al momento contro ignoti. Il procedimento è stato attivato dopo che il sindaco Leoluca Orlando aveva annunciato nei giorni scorsi di volere presentare un esposto sui disservizi legati alla raccolta dei rifiuti da parte della Rap, la società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti subentrata alla fallita Amia. Il primo cittadino è stato convocato a Palazzo di Giustizia dal Procuratore aggiunto Dino Petralia e dal pm Anna Battaglia, nell’ambito dell’inchiesta aperta dalla magistratura per inquinamento ambientale in seguito all’emergenza rifiuti in città. Orlando, che è stato accompagnato dal comandante della Polizia Municipale, ha consegnato ai magistrati una relazione che comprende anche gli accertamenti dei vigili urbani sulle discariche abusive e sul lavoro svolto in città dagli operatori ecologici. Controllo che ieri ha determinato la denuncia di 30 operatori “spazzini fannulloni” regolarmente in servizio ma sorpresi a non svolgere le loro funzioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook