Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: POSTI SIGILLI A DISTRIBUTORI TRUCCATI

PALERMO: POSTI SIGILLI A DISTRIBUTORI TRUCCATI

“I militari della Guardia di Finanza hanno sequestrato due impianti di distribuzione carburante nel capoluogo siciliano. Le strutture si trovano a Palermo rispettivamente in piazza Vanni e in via Leonardo da Vinci. I titolari sono stati denunciati per aver manomesso i sistemi di misurazione sulle colonnine. Le pompe erogavano tra il sette e l’otto per cento di combustibile in meno”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I militari della Guardia di Finanza hanno accertato che i gestori delle attività commerciali, tutti denunciati, manomettevano i sistemi di misurazione sulle colonnine, erogando tra il sette e l’otto per cento  di carburante in meno rispetto a quanto visualizzato sui display. I Distributori di carburante con il trucco per truffare gli automobilisti sono stati sequestrati e sono stati posti i sigilli a 2 serbatoi, 12 “colonnine” di erogazione che contengono circa duemila litri di gasolio e 4.200 di benzina. Gli impianti sequestrati dalla guardia di finanza sono due uno si trova in via Leonardo da Vinci e l’altro in piazza Vanni nella zona di San Giovanni degli Eremiti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook