Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: FINANZIARIA, ON. MUSUMECI “CHIUDIAMO SEDE REGIONALE DI BRUXELLES”

REGIONE SICILIANA: FINANZIARIA, ON. MUSUMECI “CHIUDIAMO SEDE REGIONALE DI BRUXELLES”

“Il deputato regionale Nello Musumeci leader de La destra all’Ars, invita Crocetta a non sprecare denaro pubblico e presenta degli emendamenti alla Finanziaria e afferma: "Stop allo spreco di denaro pubblico per un appartamento inutile e costoso. La soluzione migliore, secondo noi, sarebbe quella di mettere in vendita l'immobile, costato alla Regione quattro anni fa 2 milioni e 700 mila euro”

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Il deputato regionale de La destra, Nello Musumeci interviene sull’approvazione della finanziaria intimando al presidente Rosario Crocetta di ridimensionare e in seguito chiudere l’ufficio di Bruxelles. Infatti, il deputato de la destra ha presentato con altri parlamentari regionali alcuni emendamenti alla Finanziaria, per ridimensionare la sede estera siciliana in un graduale processo che dovrà portare alla sua chiusura: “L’ufficio di rappresentanza della Regione siciliana a Bruxelles è uno spreco di denaro pubblico, circa un milione di euro l’anno – ha spiegato Musumeci – quindi va chiuso, perché inutile e costoso. Inoltre il presidente della Regione ha fatto inviare un’auto blu che sta ferma e non ha neanche l’autista”. E’ un attacco al presidente Crocetta che mantiene gli uffici arrecando spese inutili alle casse regionali. Musumeci continua: “Che senso ha tenere una sede regionale a Roma e un’altra a Bruxelles? Noi proponiamo, con i nostri emendamenti, che venga soppresso il dipartimento Affari extraregionali e che i due uffici costituiscano un unico servizio del dipartimento della Programmazione, con un solo dirigente responsabile che abbia sede a Roma. L’appartamento nella capitale belga, invece, dovrebbe essere occupato da un massimo di quattro impiegati, – prosegue l’ex presidente della Provincia catanese – anche esterni o tirocinanti, a tempo determinato e senza indennità di servizio all’estero”.

“Il resto dell’appartamento (esteso ben 750 metri quadri) dovrebbe essere dato in uso, a titolo oneroso, a enti e soggetti rappresentativi di interessi siciliani, magari mediante apposite convenzioni. La soluzione migliore, secondo noi, sarebbe quella di mettere in vendita l’immobile, costato alla Regione quattro anni fa 2 milioni e 700 mila euro”. E ancora Musumeci interviene affermando che “fino a qualche mese fa nell’ufficio di Bruxelles lavoravano solo due persone: la dirigente generale del dipartimento e un istruttore-direttivo. Invece di disporne la chiusura, Crocetta ha reclutato in Sicilia altro personale da mandare in Belgio prevedendo per quell’ufficio estero un organico di otto funzionari interni ed otto esterni, ai quali è corrisposta una indennità pari a quasi 4.000 euro per funzionario, oltre lo stipendio. Insomma, oggi l’Ufficio siciliano a Bruxelles costa alla Regione circa un milione di euro l’anno”. Sempre il leader de La destra siciliana infine conclude: “Come se non bastasse, il governatore avrebbe da poco fatto arrivare nella ‘capitale’ dell’Unione europea anche un’auto blu, costretta però a restare ferma nel garage perché non c’è ancora l’autista (saranno almeno altre 80mila euro circa) e non c’è neppure il presidente della Regione da trasportare. Come fa Crocetta a non rendersi conto della inopportunità politica di questa sua iniziativa? Nessuno gli ha detto ancora che i dipartimenti sono stati ormai resi telematicamente autonomi nei rapporti con le istituzioni europee?”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook