Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: PROCESSO CLAN DEI CURSOTI, SEDICI ANNI A “PIPPU U MARITATU”

CATANIA: PROCESSO CLAN DEI CURSOTI, SEDICI ANNI A “PIPPU U MARITATU”

“Processo al clan dei cursoti: condannate ventuno persone tra i quali, il boss Giuseppe Garozzo. Il capomafia aveva in programma di riorganizzare la cosca che era stata decimata durante il periodo della sua detenzione”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il boss Giuseppe Garozzo, 64 anni, detto “Pippu u maritatu” (Pippo lo sposato, ndr) è stato condannato a sedici anni e quattro mesi con lui giudicate altre venti persone nel processo alla cosca dei cursoti. La sentenza è stata emessa a conclusione del processo celebrato con il rito abbreviato, Il Gup Nuvola Benanti, ha condannato a pene comprese tra un anno e 11 anni e sei mesi gli altri imputati, accogliendo le richieste del procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita, applicato a Catania per seguire l’inchiesta da lui avviata, e dal sostituto della Dda etnea Assunta Musella. Altri indagati sono stati rinviati a giudizio e saranno processati col rito ordinario. Agli imputati sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, rapine e detenzione di armi da guerra. Il processo ha trattato anche l’estorsione a un noto gruppo di imprenditori del settore ottico.

Il procedimento è la conclusione dell’operazione condotta l’8 maggio dello scorso anno dalla squadra mobile della Questura di Catania. Il boss Garozzo era tornato in libertà, nonostante la sua condanna all’ergastolo per un problema procedurale, come aveva spiegato il procuratore capo Giovanni Salvi il giorno del fermo del boss. La condanna a vita gli era stata comminata dopo l’estradizione avvenuta dalla Germania nel 1991, poi tramutata a una pena di venti anni di reclusione. Secondo l’accusa, il capo mafia, scarcerato alla fine del 2010 dopo quasi 18 anni trascorsi in carcere, stava tentando di riorganizzare la cosca dei Cursoti che era stata quasi annientata durante il periodo della sua detenzione. Il ritorno in gioco del vecchio capomafia non sarebbe stato gradito da esponenti di clan rivali che nel giugno del 2011 con un agguato a Misterbianco tentarono di ucciderlo, ferendo lui e un’altra persona. Da quel momento lui si sarebbe organizzato per reagire.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook