Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: E’ ANCORA MISTERO SULLA DONNA UCCISA AL CIMITERO

CATANIA: E’ ANCORA MISTERO SULLA DONNA UCCISA AL CIMITERO

“Si tinge di giallo la morte di Maria Concetta Velardi, 58 anni, trovata morta dal figlio al cimitero di Catania. Nel corso della notte gli inquirenti hanno interrogato, personale e avventori del bar, i vicini della cappella e lo stesso figlio della vittima. Secondo gli investigatori la famiglia della donna è considerata estranea ad ambienti criminali. Intanto la Procura ha aperto un'inchiesta senza indagati per omicidio e ha disposto l'autopsia”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Proseguono le indagini sulla tragica vicenda della donna Maria Concetta Velardi, vedova di 58 anni uccisa con diversi colpi di pietra alla testa e trovata morta dal figlio, ieri pomeriggio nel cimitero del capoluogo etneo. La Procura ha aperto un’inchiesta senza indagati e disposto l’autopsia del corpo. Per la squadra mobile della Questura cittadina che indaga, la notte è trascorsa tra interrogatori e indagini. Tra le persone lungamente sentite, come testimoni, l’unico figlio della vittima, che ha ritrovato il corpo della madre non lontano dalla cappella di famiglia. L’uomo, sottufficiale della marina militare, ha spiegato che nel primo pomeriggio si era allontanato dal cimitero per andare al Bar Divino Amore per un caffè e di avere scoperto il cadavere della madre al suo ritorno. Ha tentato di prestarle subito soccorso, ma la donna era già morta.

Dopo aver circoscritto la zona i tecnici della scientifica hanno analizzato accuratamente l’area attorno alla cappella, le aiuole, il vialetto e ogni angolo per cercare elementi utili per le indagini. Vicino al corpo è stato trovato un braccialetto d’oro. Proprio in merito al ritrovamento di questo monile gli inquirenti avrebbero escluso che la donna potrebbe essere stata aggredita per una rapina. L’ispezione sul luogo è durata diverse ore e sono stati svolti anche gli accertamenti per verificare la presenza di impronte digitali sulla pietra bianca, considerata dagli inquirenti l’arma del delitto. La polizia ha verificato, come prassi la sua ricostruzione che coinciderebbe con diverse altre testimonianze. Sono state sentite diverse persone che hanno la cappella vicino a quella della famiglia Matà del personale e avventori abituali del bar “Divino Amore”.

Maria Concetta Velardi e Angelo Matà sono definiti da conoscenti come “persone tranquille, per bene”, e, confermano fonti investigative, assolutamente estranei a ambienti criminali. Resta, al momento, un giallo, quindi, l’omicidio, anche perché sembra esclusa la rapina: la donna indossava ancora una collana e un bracciale è stato trovato vicino a un masso. Un rompicapo per la squadra mobile della Questura di Catania. La vedova si recava tutti i giorni al cimitero per pregare e manutenere la cappella di famiglia dove sono seppelliti suo marito Angelo e il figlio Lorenzo, morto da 5 anni. La Procura di Catania coordinata dal procuratore capo Giovanni Salvi e dal sostituto Giuseppe Sturiale ha aperto un’inchiesta, senza indagati e ha disposto l’autopsia sul cadavere della vittima.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook