Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DELITTO FALCIDIA, ASSOLUZIONE DEFINITIVA PER VINCENZO MORICI

CATANIA: DELITTO FALCIDIA, ASSOLUZIONE DEFINITIVA PER VINCENZO MORICI

“Chiusa dopo vent'anni l'inchiesta sul delitto della professoressa Falcidia, la Procura generale di Catania non la impugna. Il marito era stato accusato di aver ucciso per motivi passionali, la sera del 4 dicembre 1993 la moglie”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. L’assoluzione di Vincenzo Morici è diventata definitiva. Era stato accusato di avere ucciso per gelosia, la sera del 4 dicembre 1993, la moglie, la professoressa Antonella Falcidia, nella loro abitazione in via Rosso di San Secondo, a Catania. La Procura generale non ha presentato appello nei tempi consentiti dalla Legge scaduti il 29 dicembre scorso, alla sentenza con la quale il 3 giugno del 2013 la prima Corte d’assise ha confermato la decisione di primo grado di non colpevolezza dell’imputato. La notizia, pubblicata dai quotidiani La Sicilia e la Gazzetta del sud, è stata confermata dai legali del medico. Quindi, dopo 20 anni dall’avvenuto delitto si è definita l’inchiesta sul delitto. A conclusione del processo, In primo grado, col rito abbreviato, il 3 marzo 2011, l’imputato era stato assolto dal Gup Grazia Caserta, con la formula “per non avere commesso il fatto”. La Procura, che aveva appellato la sentenza, aveva chiesto la condanna a 30 anni di reclusione, sostenendo che il presunto uxoricida avrebbe agito per motivi passionali. Movente e richiesta di condanna ribaditi nella requisitoria del procedimento di secondo grado. Ma la Corte d’assise d’appello ha confermato la sentenza di assoluzione che è diventata definitiva. Adesso il marito vuole sapere chi ha ucciso la moglie motivazione che ha sempre ribadito da quando avvenuto l’omicidio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook