Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: GOVERNO CROCETTA BATTUTO IN AULA SULLE PROVINCE

ARS: GOVERNO CROCETTA BATTUTO IN AULA SULLE PROVINCE

“Solo per un voto passa all’Ars l'emendamento che sopprime il disegno di legge sulla proroga dei commissari. Le opposizioni marcano con forza la sconfitta del presidente Crocetta e della sua maggioranza: "Questa è la sua fine.. maggioranza liquefatta". Crocetta replica: "non voglio parlare di questa o di quell'altra forza politica, ma è evidente che ci sono stati franchi tiratori, ma almeno è stata fatta chiarezza"

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Battuto in aula il governo di Rosario Crocetta e la sua maggioranza. Con 33 voti a favore e 32 contrari l’Ars ha approvato l’emendamento che sopprime il disegno di legge di proroga dei commissari delle Province, che scadranno il 31 dicembre. La norma dava tempo al governo di completare la riforma che cancella le Province e istituisce i Liberi consorzi di Comuni. Tutto è stato messo ai voti con scrutinio segreto. Il presidente Crocetta in merito è intervenuto: “In un certo senso è stata fatta chiarezza, non voglio parlare di questa o di quell’altra forza politica, ma è evidente che ci sono stati franchi tiratori. Si scava un solco culturale fra chi è per la modernità e il cambiamento, e chi si abbandona a un rigurgito parassitario e vuole un ritorno al passato. La riforma delle Province non me la sono inventata un giorno, mentre ero in diretta Rai da Massimo Giletti: era un punto del mio programma elettorale”.

Con il voto di oggi si obbliga il governo e il parlamento siciliano a varare la riforma entro 45 giorni di proroga ordinaria dei commissari, altrimenti si dovranno indire le elezioni e ripristinare il precedente assetto istituzionale. Il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone ha spiegato: “Per questa sessione, che è la sessione di Bilancio, la legge non potrà più essere discussa. Evidentemente durante la prossima sessione l’Assemblea dovrà tornare a legiferare. C’è un voto di soppressione che riguarda le proroghe dei commissari, ma questo può significare tutto e niente”. Poi, il presidente della commissione Affari istituzionali Antonello Cracolici, intervenendo in aula ha evidenziato: “Lo dico anche per non creare confusione nell’opinione pubblica, non è stata bocciata l’abrogazione delle Province, ma la proroga dei commissari. Questo significa che dobbiamo completare la riforma in teoria entro il 31 dicembre, o comunque entro i 45 giorni di proroga ‘ordinaria’ dei commissari”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook