Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: RAP, RIPARTE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI, OK DEI SINDACATI

PALERMO: RAP, RIPARTE LA RACCOLTA DEI RIFIUTI, OK DEI SINDACATI

“L'azienda tra risparmi e nuove somme è riuscita a racimolare gli otto milioni di euro che dovrebbero garantire il servizio di raccolta dei rifiuti. Trovati i soldi per riequilibrare il bilancio 2014 si dovrebbe ripartire con il lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I sindacati e i vertici dell’azienda Rap che si occupa del servizio raccolta rifiuti nel capoluogo siciliano hanno finalmente raggiunto l’accordo. Infatti, sono stati trovati i soldi per riequilibrare il bilancio e quindi per garantire il servizio di raccolta per il 2014. Un lungo lavoro di limatura dove l’azienda tra risparmi e nuove somme è riuscita a trovare gli otto milioni che servivano per garantire il pareggio tra i soldi incassati dalla Tares e il costo del servizio di smaltimento rifiuti e gli operai hanno messo circa 6 milioni di euro. Servivano 14 milioni per ottenere il pareggio di bilancio e pare che tutto sia stato pianificato. Nello specifico questa manovra è stata possibile con un risparmio sul lavoro di 6 milioni. Denaro che saranno tolti dalla busta paga dei lavoratori. il rinnovo contrattuale del 2014 e anche i lavori domenicali sono stati congelati. In fase di attuazione alcuni prepensionamenti che porteranno un risparmio di 750 mila euro. Altro risultato ottenuto il passaggio di 175 lavoratori che si occupano della pulizia delle caditoie nuovamente alla società Amap: questo comporterà un risparmio da 3 milioni di euro. Mentre il Comune ha aumentato di cinque milioni i servizi di derattizzazione e disinfestazione.

Il segretario regionale della Fit Cisl Dionisio Giordano ha tenuto a evidenziare che attraverso il tavolo  si è riusciti ad ottenere un buon risultato: “dopo giorni di trattativa siamo riusciti a far quadrare i soldi per garantire il servizio alla città. È stato necessario un ulteriore passaggio politico. Ma ci siamo riusciti. C’è da sottolineare che i lavoratori hanno dimostrato grande senso di responsabilità”. L’accordo raggiunto tra sindacati e Rap porterà alla cessione definitiva a Rap delle società fallite Amia e Amiaessemme. Il contratto di affitto per 6 mesi del ramo d’azienda scade il 22 gennaio prossimo; l’auspicio dei sindacati è che vertici della Rap e curatori fallimentari di Amia tornino a incontrare le organizzazioni dei lavoratori, per definire nei primi giorni di gennaio la partita e ultimare i termini dell’accordo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook