Archiviato in | Lavoro, Politica, Politica Regionale

PRECARI ENTI LOCALI SICILIA: ARRIVA OK DAL GOVERNO LETTA

PRECARI ENTI LOCALI SICILIA: ARRIVA OK DAL GOVERNO LETTA

“Governo Letta dice sì alla proroga per 24 mila precari siciliani. Il ministro per la Funzione pubblica, D'Alia, a Palermo conferma che non ci sono problemi per la norma che riguarda i precari della pubblica amministrazione contenuta nella Legge di stabilità”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Il ministro per la Funzione pubblica Gianpiero D’Alia, in visita a Palermo, ha parlato dei provvedimenti inseriti nella legge di Stabilità che consentono la proroga dei contratti degli oltre 24 mila precari degli enti locali siciliani. Adesso comunica il ministro: ”non ci sono problemi per la norma che riguarda i precari della pubblica amministrazione contenuta nella Legge di stabilità”. “Il Governo – ha aggiunto – ha voluto adeguare al massimo la normativa che abbiamo approvato qualche mese fa con il decreto di razionalizzazione della pubblica amministrazione, alla condizione particolare della Regione siciliana e credo che oggi si siano realizzate condizioni per superare il precariato nelle P.a. e stabilizzare questi lavoratori che stanno in questa condizione di incertezza da quasi 20 anni. Credo ci siano tutte le condizioni perché questo avvenga senza aumentare la spesa pubblica, facendo tagli laddove ci sono sprechi e razionalizzando le risorse, facendo sì che tutto questo avvenga nell’arco di un triennio. La Regione oramai non ha più alibi e deve fare questo lavoro che non ha fatto in passato, aggravando la situazione del precariato siciliano. La Regione deve fare la sua parte, il governo centrale ha fatto tutto ciò che era in suo potere e anche di più, ora spetta alla Regione, nell’autonomia del parlamento regionale, ci auguriamo che si approvi la legge che adegua la disciplina del decreto 101 e le norme che saranno approvate definitivamente lunedì prossimo al Senato, la legge di Stabilità, al contesto siciliano”.

In merito ai precari e ai problemi della città di Palermo sono stati poi al centro di un incontro a Palazzo delle Aquile tra D’Alia, il sindaco Leoluca Orlando e alcuni componenti della giunta. A margine della riunione il primo cittadino del capoluogo siciliano ha commentato: “Abbiamo sottoposto al ministro D’Alia e al governo una serie di criticità ed emergenze, che riguardano i comuni d’Italia e la città di Palermo. Abbiamo apprezzato che nella legge di Stabilità si sono fatti passi avanti rispetto alla considerazione dei comuni, non più solo come centri di spesa da tagliare ma come enti erogatori di servizi. Abbiamo apprezzato l’attenzione rispetto alla stabilizzazione dei contratti a tempo determinato in scadenza nel 2014 presso il Comune di Palermo – continua Orlando – i lavoratori  adesso non vivono più con l’incubo del licenziamento, la modifica di alcuni aspetti del patto di stabilità per procedere alla stabilizzazione e riteniamo che occorre procedere su questa strada avendo superato alcune criticità ed emergenze anche in chiave progettuale, con una considerazione: il Comune di Palermo è tra i pochi in Italia che ha i conti in ordine. In particolare la questione riguarda la possibilità di attuare il piano a cui il Comune sta lavorando per Gesip, la società in liquidazione partecipata, che si occupa di servizi in città e occupa circa 1700 persone. Stiamo studiando delle soluzioni, che consentano ai comuni, e quindi anche al comune di Palermo, di fare queste procedure di ristrutturazione aziendale nel modo più indolore possibile dal punto di vista dell’impatto sociale”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook