Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CUFFARO: TRIBUNALE RIFIUTA RICHIESTA AFFIDAMENTO AI SARVIZI SOCIALI

CUFFARO: TRIBUNALE RIFIUTA RICHIESTA AFFIDAMENTO AI SARVIZI SOCIALI

“L’ex presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro in merito al rigetto della sua istanza di affidamento ai servizi sociali da parte del Tribunale di Roma attraverso i suoi legali ha detto: “Avevo coltivato la speranza di poter continuare a scontare la mia pena in affidamento al servizio dei più bisognosi - Vivrò ancora il mio carcere con tutte le sue privazioni, con sofferenza e fatica”. E con amarezza ha concluso: “E' la famiglia che mi manca".

Print Friendly, PDF & Email

Cuffaro. L’ex presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro, in carcere per scontare una condanna a 7 anni per favoreggiamento alla mafia, commenta, tramite il suo legale, la decisione dei giudici del tribunale di Roma il rigetto della sua istanza di affidamento ai servizi sociali: “Avevo coltivato la speranza di poter continuare a scontare la mia pena in affidamento al servizio dei più bisognosi, di quelli che come me cercano e hanno bisogno di speranza. I giudici del Tribunale di sorveglianza hanno deciso che io debba rimanere in carcere per il resto della pena. Non sono ancora rieducato e risocializzato. Come sempre e come è giusto e doveroso accetto e rispetto la sentenza”. Cuffaro aggiunge: “È la famiglia che mi manca, il calore delle tante persone che ho lasciate e che mi vogliono bene. Riesco qua dentro a donare abbracci e sorrisi, a riceverne. Mi manca poter vedere il cielo tutto intero, mi manca l’orizzonte che mi è impedito, mi manca il respiro lungo della vita, mi manca lavorare per la mia terra. Vivrò ancora il mio carcere con tutte le sue privazioni, con sofferenza, con fatica ma sempre con fiducia e speranza. Luogo difficile, pesante, pieno di miseria ma anche ricco di umanità, solidarietà e di nuovi amici”. Poi, l’ex presidente della Regione  conclude: “La vita  va accettata così com’è, la ricompensa che essa ci dà è vivere, per poter continuare a credere, amare, sperare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook