LAMPEDUSA (AG): VIDEO SHOCK DEL TG2, PROCURA APRE UN’INCHIESTA

LAMPEDUSA (AG): VIDEO SHOCK DEL TG2, PROCURA APRE UN’INCHIESTA

“Le immagini arrivano dal Centro di Identificazione ed Espulsione di Lampedusa e documentano una prassi che non tiene in alcuna considerazione il rispetto diritti umani: uomini e donne trattati come animali, fatti denudare in pieno inverno all'aperto e investiti da una scarica d'acqua per la disinfestazione contro la scabbia, il tutto mentre gli operatori della cooperativa che gestisce il centro continuano a svolgere i loro compiti come nulla fosse”. intervistato da Radio Città Futura l'amministratore delegato della cooperativa 'Lampedusa Accoglienza"Cono Galipò ha dichiarato: "Il trattamento che noi stavamo facendo, previsto da un protocollo, stava durando da un'ora e mezza e a un certo punto alcuni immigrati si sono spazientiti, si sono spogliati e hanno chiaramente inscenato quanto si vede".

Print Friendly, PDF & Email

Lampedusa. Queste sono immagini sconcertanti, scene da lager, non certo quelle che ci si aspetterebbe di vedere in un centro di accoglienza per immigrati. Ha giustamente scatenato reazioni indignate il servizio del Tg2 sul Cie di Lampedusa: l’inchiesta del telegiornale mostra il trattamento incivile riservato ai migranti durante la pratica di disinfestazione dalla scabbia, malattia che peraltro nessuno dei migranti aveva al momento dello sbarco. Le immagini arrivano dal Centro di Identificazione ed Espulsione di Lampedusa e documentano una prassi che non tiene in alcuna considerazione il rispetto diritti umani: uomini e donne trattati come animali, fatti denudare in pieno inverno all’aperto e investiti da una scarica d’acqua per la disinfestazione contro la scabbia, il tutto mentre gli operatori della cooperativa che gestisce il centro continuano a svolgere i loro compiti come nulla fosse.

La presidente della Camera Laura Boldrini è tra le prime personalità a reagire dopo la messa in onda dell’inchiesta del Tg2 e la trasmissioni delle immagini shock.  La Boldrini ben conosce il tema per la sua storia personale di portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e ha espresso un suo commento: “Il trattamento riservato agli ??immigrati nel Centro di ??Lampedusa, documentato nel servizio trasmesso ieri sera dal Tg2, è indegno di un Paese civile – dichiara Laura Boldrini – Uomini e donne, per essere sottoposti ad un trattamento sanitario, vengono fatti denudare all’aperto in pieno inverno. Quelle immagini non possono lasciarci indifferenti. Tanto più perché vengono dopo i tragici naufragi di ottobre e dopo gli impegni che l’Italia aveva assunto in materia d’accoglienza. Quei trattamenti degradanti gettano sull’immagine del nostro Paese un forte discredito e chiedono risposte di dignità”.

Intanto la Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta sui trattamenti disumani ai quali sarebbero stati sottoposti alcuni profughi ospiti del Centro di prima accoglienza. Il fascicolo di “atti relativi” è stato aperto dal procuratore capo, Renato Di Natale; i reati ipotizzati, a carico di ignoti, sono quelli di violenza privata e maltrattamenti nei confronti di persone sottoposte a cura e custodia. La Procura acquisirà la versione integrale del filmato, parzialmente trasmesso dal Tg2; nelle immagini, riprese con un cellulare da un siriano ospite del Centro, si vedono alcuni profughi, completamente denudati, sottoposti a  trattamento anti scabbia.

Subito il chiarimento, nessun lager abbiamo seguito i protocolli. intervistato da Radio Città Futura, Cono Galipò amministratore delegato della cooperativa ‘Lampedusa Accoglienza” ha dichiarato: “Il trattamento che noi stavamo facendo, previsto da un protocollo, stava durando da un’ora e mezza e a un certo punto alcuni immigrati si sono spazientiti, si sono spogliati e hanno chiaramente inscenato quanto si vede”. Galipò spiega così le immagini choc trasmesse dal Tg2 in cui si vedono alcuni ospiti in fila, nudi, sottoposti a un trattamento contro la scabbia e spruzzati con una pompa collegata a un compressore. “Nessun lager, il tutto va contestualizzato – ha sottolineato il responsabile del Centro -. Abbiamo avuto tre sbarchi in cui il sospetto di scabbia era molto alto e normalmente quando i casi sono pochi i trattamenti si fanno in infermeria, ma quando sono 104 ci vogliono dei locali disponibili”.

Poi, il rammarico di Galipò è di “non aver bloccato l’iter e l’operazione quando i due immigrati si sono innervositi. Certo, non siamo d’accordo su quelle condizioni, ma ribadisco che tutto va rapportato al momento”. Sono 391, tra i quali 27 donne e 38 minori, i migranti ospiti in questo momento del Centro di prima accoglienza e soccorso di Lampedusa dove la situazione “è totalmente tranquilla”, continua Galipò. Il responsabile del Centro ha aggiunto di avere già inviato alla Prefettura di Agrigento una relazione sul filmato trasmesso del Tg2. “Nella relazione spieghiamo in modo dettagliato qual è il protocollo che è stato seguito”, aggiunge Galipò che respinge le accuse. “Alcune criticità – ammette il responsabile – ci sono, ma sono legate alla situazione della struttura. Quando abbiamo preso in gestione il Centro, il primo giugno del 2007, la stampa lo ha definito ‘un albergo a quattro stelle’, oggi ci accusano invece del contrario. Certamente ci sono alcune carenze strutturali che vanno risolte, ma di sicuro non è un lager. In ultimo Galipò sostiene il lavoro svolto con professionalità all’interno del Centro da una cinquantina di operatori tra medici, infermieri, psicologi e mediatori culturali. Intanto a Lampedusa è stato arrestato un presunto scafista, si nascondeva tra i disperati che raccontano le storie dell’orrore tra stupri nel deserto e torture.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook