Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CASO SPEZIALE, I LEGALI INOLTRANO RICORSO ALLA CORTE EUROPEA

CASO SPEZIALE, I LEGALI INOLTRANO RICORSO ALLA CORTE EUROPEA

“I legali di Antonio Speziale l’ultras del Catania condannato per omicidio preterintenzionale per la morte dell'ispettore Raciti presentano ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo chiedendo un risarcimento di un milione di euro"

Print Friendly, PDF & Email

Caso Speziale. Gli avvocati difensori di Antonino Speziale hanno presentato alla Corte europea dei diritti dell’uomo del Consiglio d’Europa di Strasburgo un ricorso nel quale chiedono di “condannare lo Stato italiano, per la violazione dell’art. 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, a corrispondere al loro assistito almeno un milione di euro”. Antonio Speziale è uno dei due ultras del Catania condannati per omicidio preterintenzionale per la morte, il 2 febbraio 2007, dell’ispettore capo di polizia Filippo Raciti durante il derby Palermo – Catania che si è disputato allo stadio Massimino. Il ricorso è stato presentato in applicazione dell’articolo 34 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e degli articoli 45 e 47 del regolamento della Corte. Gli avvocati di Speziale Giuseppe Lipera  affermano “Un giovane è stato condannato per un gravissimo reato che non ha commesso, senza che vi siano delle vere prove a suo carico e ha perso la sua libertà, i suoi affetti e la sua vita rimarrà per sempre segnata da questa esperienza”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook