Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRATTATIVA STATO-MAFIA: MANIFESTAZIONE DI SOLIDARIETÀ AL PM DI MATTEO

TRATTATIVA STATO-MAFIA: MANIFESTAZIONE DI SOLIDARIETÀ AL PM DI MATTEO

“In merito alle ultime vicende inquietanti che riguardano il processo sulla trattativa Stato-mafia e l'allarme suscitato dalle dichiarazioni di Totò Riina, si è svolta una manifestazione di solidarietà al pm palermitano Nino Di Matteo che non partecipa all'udienza per questioni di sicurezza”.

Print Friendly, PDF & Email

Trattativa Stato-mafia. I manifestanti davanti all’aula bunker di Milano in cui si celebra il processo sulla trattativa Stato-mafia, per dimostrare solidarietà al Pm Nino Di Matteo in trasferta nel capoluogo lombardo per ascoltare il pentito Giovanni Brusca. I presenti hanno esibito uno striscione con la scritta: “Milano sta con Di Matteo”. Il magistrato non partecipa all’udienza dopo il nuovo allarme suscitato dalle dichiarazioni del boss Totò Riina che, dal carcere, ha ripetutamente minacciato il pubblico ministero. La Procura non ha ritenuto che vi fossero le condizioni di sicurezza per una trasferta a Milano del pm. Il procuratore di Palermo Francesco Messineo, l’aggiunto Vittorio Teresi e i pm Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia rappresentano l’accusa in aula. Ad accentuare l’allarme per la sicurezza di Di Matteo, (minacciato dal boss Totò Riina durante colloqui in carcere con un boss della Sacra Corona Unita), sono nuove esternazioni del capomafia intercettate dalla Dia. Il boss di Corleone parla di attentati da organizzare ricordando l’epoca delle stragi mafiose.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook