Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MASCALI (CT): MAFIA E CORRUZIONE AL COMUNE,10 ARRESTI

MASCALI (CT): MAFIA E CORRUZIONE AL COMUNE,10 ARRESTI

“Questa mattina all’alba i carabinieri hanno condotto un’operazione, coordinata dalla Dda di Catania, che ha pilotato 10 arresti. Le persone sono accusate di corruzione aggravata dal metodo mafioso. Cercavano di modificare il Prg per favorire gli amici e il clan Laudani. In carcere, tra gli altri, l'ex presidente del Consiglio comunale Biagio Susinni, l'ex sindaco Filippo Monteforte e l'esponente dei Laudani Alfio Romeo. Coinvolto anche l'imprenditore Alfio Luciano Massimino, già dirigente del Catania Calcio e parente dello storico presidente. L'amministrazione comunale di Mascali era stata sciolta ad aprile per infiltrazioni mafiose”.

Print Friendly, PDF & Email

Mascali. I Carabinieri di Catania, questa mattina, hanno arrestato 10 persone per corruzione aggravata dall’aver favorito il clan mafioso dei Laudani, nell’ambito di un’inchiesta su rapporti tra ex amministratori del Comune di Mascali, imprenditori e Cosa nostra. I Carabinieri durante l’operazione scattata all’alba e che ha visto l’impiego poco più di 100 militari, hanno eseguito il provvedimento di misura cautelare in carcere, emesso dal Gip su richiesta della Dda di Catania. Le indagini dei militari dell’Arma di Giarre avevano contribuito a sciogliere per infiltrazioni mafiose nel 2013 l’ex amministrazione comunale mascalese. Tra i destinatari del provvedimento compaiono l’ex sindaco Filippo Monteforte, l’ex presidente del Consiglio comunale Biagio Susinni, Alfio Romeo del clan Laudani e l’imprenditore Alfio Luciano Massimino, 53 anni, ora agli arresti domiciliari. Massimino, che appartiene alla famiglia di noti costruttori edili, ha legato il suo nome anche alla storia del Calcio Catania. Figlio di Luigi e nipote di Angelo e Salvatore aveva ricoperto la carica di dirigente della società tra il 1991 e il 1992, quando il presidente era suo zio Turi. La società rischiò il fallimento dopo la messa in liquidazione disposta dal tribunale del capoluogo etneo su richiesta della Figc per irregolarità nei bilanci. Il Calcio Catania fu salvato da Angelo Massimino che, con un aumento di capitale, consentì l’iscrizione della squadra nel girone B del campionato di Serie C1.

Gli investigatori dell’operazione “Town Hall” a Mascali avevano segnalato che venivano apportate variazioni al Prg dello stesso Comune che trasformavano terreni agricoli in zona di espansione edificabile, permettendo così la costruzione di strutture ricettive e parchi residenziali a imprenditori amici. Proprio l’ex sindaco Filippo Monforte fu indagato nel gennaio scorso nell’ambito dell’inchiesta Nuova Ionia della Procura di Catania, che è in fase di richiesta di rinvio a giudizio, su rifiuti e mafia: a conclusione di indagini della Dia il reato ipotizzato nei suoi confronti è la corruzione. In quell’occasione fu sollecitata una sua richiesta di arresto dalla Procura che fu rigettata sia dal gip sia, successivamente, dal Tribunale del riesame di Catania. Il Comune di Mascali è stato poi sciolto ad aprile dal Consiglio dei ministri, su proposta dell’allora ministro dell’Interno, a conclusioni di indagini avviate dai carabinieri della compagnia di Giarre.

Biagio Susinni, ex deputato regionale ed ex sindaco e poi ex presidente del Consiglio comunale di Mascali, nel 2000 è stato arrestato per scontare una condanna a te anni e 4 mesi di reclusione per accuse di corruzione risalenti a un periodo compreso tra il 1991 e il 1994 in abusi edilizie e appalti pubblici. Inoltre è indagato anche per millantato credito: avrebbe fatto credere ad altri indagati di avere la possibilità, dietro pagamento di denaro, di intervenire, indirettamente, sulla Corte di Cassazione e l’università di Messina per pilotare sentenze e favorire gli studenti per il superamento dei test di ingresso o di esami di laurea in diverse facoltà.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook