Archiviato in | Politica, Politica Regionale

RENZI VINCE IN SICILIA CON IL 60 PER CENTO

RENZI VINCE IN SICILIA CON IL 60 PER CENTO

“Renzi con i suoi candidati siciliani, nelle città maggiori dell’isola, sbaraglia la vecchia nomenclatura. I cuperliani eleggono a Palermo solo Cracolici, ma a Enna ottengono un ottimo riscontro. Civati ottiene discreti risultati a Messina. Così le primarie disegnano la nuova mappa del PD nell'Isola. Tutti gli uomini di Renzi in Sicilia”.

Print Friendly, PDF & Email

Renzi vince le primarie del Pd.  Non ancora ufficiali, gli eletti all’Assemblea nazionale. Ma gradualmente assumono i contorni dell’ufficialità. La vittoria dei renziani in Sicilia e la conseguente sconfitta, dei cuperliani si può verificare fin d’ora nei numeri. I sostenitori di Gianni Cuperlo, infatti, si possono identificare certamente dai risultati ottenuti nei capoluoghi e nelle province Palermo e Catania e in tutto contribuiranno con sette-otto rappresentanti. Che è il numero di esponenti eletti solo a Catania e provincia dai renziani.

A Palermo città, Renzi si attesta con un 60%, contro il 24% di Cuperlo e il 16% di Civati, i cuperliani riusciranno ad eleggere quasi certamente solo il capolista Antonello Cracolici. Restano fuori il deputato regionale Mariella Maggio e il consigliere Rosario Filoramo. Una sconfitta che potrebbe apparire evidente di fronte alla possibilità che i rappresentanti dell’area Civati eletti nel capoluogo siano due (Enrico Napoli e Antonella Monastra). I sostenitori di Renzi solo nel capoluogo siciliano, invece, contribuiscono con Pino Apprendi, Alessandra Siragusa, Davide Faraone, Fabrizio Ferrandelli e Fabiola Zimmardi. Nella provincia i numeri sono simili. Sempre nel capoluogo siciliano, l’area Cuperlo dovrebbe portare in Assemblea il giovane sindaco Magda Culotta e l’ultimo candidato alla segreteria provinciale Antonio Rubino.

A Catania i risultati sono quasi simili a Palermo. Renzi si attesta al 59,5%, Cuperlo conquista il 27,5% e Civati arriva al 13%. I cuperliani riescono con Giuseppe Berreta e Luisa Albanella in città; in provincia il deputato regionale Concetta Raia e il coordinatore dei circoli Enzo Napoli. Ma anche nella città etnea, i renziani si affermano portando nei quadri Enzo Bianco, Giovanni Barbagallo,Francesca Raciti, Gianfranco Vullo e Chiara Reina in città mentre in provincia Giovanni Burtone, Carmelo Nigrelli e Margherita Frascalanza. Non sono andati benissimo gli uomini di Civati, che potrebbero riuscire a piazzare solo il capolista in città, Danilo Festa e quello in provincia Domenico Grasso.

A Messina Civati ottiene un ottimo risultato, oltrepassa la quota del 16% e dovrebbe riuscire a far eleggere ben tre candidati: Pina Miceli, Piero David e Giampiero Terranova. Meno bene, i cuperliani che dovrebbero portare in assemblea solo Antonio Saitta. Grande numero di preferenze per i sostenitori di Renzi: sono cinque i rappresentanti che dovrebbero arrivare in Assemblea dalla città peloritana come Iole Nicolai e Giuseppe Laccoto, deputato regionale alla quarta legislatura.

Ad Agrigento i cuperliani, oltrepassano il tetto del 35%. Dovrebbero essere tre i candidati eletti: Maria Iacono, Peppe Zambito e Mariella Frumusa. Solo uno in più per i renziani tra i quali, il sindaco Marco Zambuto. Dalla provincia agrigentina, quasi per certo non vi sarà nessun eletto tra i sostenitori di Civati.

A Trapani Civati resta fermo. Ma la spinta del capogruppo del Pd all’Ars Baldo Gucciardi porterà quasi certamente alla conquista di quattro “seggi” in Assemblea, oltre a quello del deputato regionale, anche quelli di Salvatore Cangemi, Annamaria Angileri e Silvia Augugliaro. Sarà Girolamo Spezia, invece, quasi certamente l’unico cuperliano di Trapani.

Enna e Caltanissetta, unico collegio nel quale Cuperlo riuscirà a inserire più candidati. Il candidato di riferimento degli “ex Ds” avrebbe superato il 61% dei consensi. Quindi dovrebbero essere tre i cuperliani eletti nella roccaforte di Mirello Crisafulli e Lillo Speziale: Katia Rapè, Angelo Licata e Fabio Venezia. Ma anche in questo collegio, i sostenitori di Renzi hanno tenuto duro. Infatti in base al risultato potrebbero inserire due rappresentanti. Uno di loro è Angelo Fasulo, sindaco di Gela, che si è sganciato dalla coalizione del presidente della Regione Rosario Crocetta che dopo tante trattative ha sostenuto il sindaco di Firenze. Anche Ragusa e Siracusa confermano i rapporti di forza, in entrambe le province, Renzi dovrebbe ottenere tre eletti, uno tra questi, il sindaco del capoluogo aretuseo Giacomo Garozzo a fronte della riuscita dei capilista dei due sfidanti Cuperlo e Civati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook