FORCONI: BLOCCHI STRADALI, SICILIANI IN CODA PER LA BENZINA

FORCONI: BLOCCHI STRADALI, SICILIANI IN CODA PER LA BENZINA

“I Forconi confermano i blocchi stradali in Sicilia già da domenica sera. Alcune sigle sindacali si sono dissociate dalla partecipazione alla manifestazione. Intanto, la Regione Siciliana prevede misure urgenti. L'assessore Vancheri emana deroghe eccezionali agli orari stabiliti per i distributori. Forti, le dichiarazioni del leader del movimento Mariano Ferro che sottolinea con vigore: "Nessun politico cerchi di mettere il cappello sulle nostre iniziative".

Print Friendly, PDF & Email

Forconi. Già si registrano code interminabili di automobili davanti ai distributori di carburante e molti benzinai hanno terminato il carburante. Intanto dal coordinamento del movimento confermano la protesta dei tir in Sicilia. I blocchi inizieranno a Palermo domenica sera in via Ernesto Basile nei pressi del parco Cassarà e in piazza Indipendenza. La protesta riguarda tutta l’Italia con l’organizzazione di una trentina di presidi dislocati nei punti nevralgici e dovrebbe concludersi venerdì prossimo. Per attenuare i disagi che la protesta si porterà dietro, è intervenuta anche la Regione: “La grave ed eccezionale situazione che si sta verificando nell’Isola e, in particolare, a Palermo, dove migliaia di cittadini stanno affollando i distributori di carburanti in relazione alla paventata protesta da parte di alcune associazioni di autotrasportatori impone di adottare le misure urgenti più opportune – ha comunicato Linda Vancheri, assessore regionale alle Attività produttive che ha diramato a tutte le Camere di commercio dell’Isola una direttiva con la quale si chiede di “adottare deroghe eccezionali agli orari e giorni di apertura dei distributori dei carburanti”. L’assessore, inoltre, invita: “i titolari di depositi e di cisterne per trasporto ad andare nelle prefetture per ottenere le relative deroghe eccezionali per l’approvvigionamento, distribuzione e trasporto dei carburanti”.

Intanto, le sigle Aias e Forza d’urto hanno infatti deciso di non aderire allo sciopero. Subito la replica del leader del movimento Ferro: “Coloro che intendono ribellarsi con noi sono i benvenuti, a condizione che non si azzardino a mettere cappelli di qualsiasi colore all’iniziativa. Ad essi ribadiamo ancora una volta fino alla noia che non saranno accettati simboli di partito. I nostri valori sono quelli scolpiti nella Costituzione democratica, calpestata e risorta grazie alla lotta di popolo contro la dittatura in cui ci ha riportati, in forme diverse, questa classe dirigente”. E ancora fioccano le dichiarazioni degli organizzatori della protesta: “ci sono troppe categorie martoriate dalla crisi – ribadiscono Francesco Tusa, leader assieme a Mariano Ferro, Giuseppe Sgarlata e Francesco Crupi -. Sapevamo che l’Aias di Giuseppe Richichi all’ultimo momento avrebbe fatto un passo indietro. Ma la nostra protesta è già programmata da mesi e andrà avanti. Noi non ci fermeremo”. Intanto, alla vigilia della grande mobilitazione popolare ad oltranza evidenzia  Ferro: “giungono copiose sempre nuove adesioni, da parte dell’Italia che soffre e da troppo tempo chiede fatti per una svolta radicale. Per ridare speranza al nostro Paese occorre oggi con urgenza trovare le soluzioni alle tantissime vertenze irrisolte o mandare a casa un governo asservito ai potenti ed un parlamento di nominati, porre fine al far west della globalizzazione, riprenderci la sovranità popolare e monetaria”.

Il sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe Castiglione, ha espresso soddisfazione per l’atteggiamento “di grande responsabilità dimostrato dalle imprese di trasporto. Il mondo agricolo – afferma Castiglione – viveva una preoccupazione particolare, dato che la scorsa protesta aveva portato danni per 500 milioni di euro. Non possiamo che apprezzare l’atteggiamento costruttivo di Aias e Forza d’Urto – conferma il sottosegretario – ma è chiaro che da questo momento in poi il nostro impegno sarà massimo per ridare ossigeno a un settore di fondamentale importanza per l’economia del nostro Paese”.

l’AssoPescatori con una nota ha comunicato che non prenderà parte allo sciopero degli autotrasportatori e alla protesta indetta dai Forconi. Il  presidente dell’Associazione Pescatori Marittimi Professionali, Fabio Micalizzi, lo aveva già annunciato che la sua sigla si sarebbe dissociata dalla protesta. Negli scioperi effettuati nel gennaio 2012 l’Associazione Pescatori costituì una delle tre anime della rivolta insieme all’Aias di Richichi e al Movimento dei Forconi. Poi ribadisce: “Non aderiamo perché non condividiamo più le modalità della protesta. Due anni fa era necessario scuotere le coscienze e l’opinione pubblica anche a costo di arrecare qualche disagio alla popolazione. Venne a mancare, tuttavia il salto di qualità e quella che era una straordinaria occasione di ribellione popolare si annacquò in sterili personalismi e interessi di categoria. A motivo di tutto ciò l’Associazione non prenderà parte stavolta ai blocchi stradali indetti per il prossimo 9 dicembre”.

La Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa della Sicilia (Cna) critica lo sciopero. “La manifestazione di protesta, così come è stata prospettata, metterebbe in ginocchio l’economia siciliana con conseguenze pesantissime. Ci sono artigiani, agricoltori e imprenditori che lavorano undici mesi l’anno in vista delle vendite di dicembre. Bloccare la Sicilia adesso potrebbe avere conseguenze drammatiche”.

Gli artigiani, gli agricoltori e gli imprenditori siciliani di tutti i settori non potrebbero sopportare la paralisi dell’Isola proprio nelle settimane a ridosso del Natale durante le quali, come è noto, l’economia ha una scossa positiva con l’aumento della domanda e dei consumi, dovuta anche alle tredicesime. Le associazioni di categoria si augurano: “che prevalga il buonsenso e tutti i soggetti coinvolti, a cominciare da quelli istituzionalmente preposti, lavorino in queste ore per evitare situazioni che potrebbero degenerare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook