PALERMO: CRISI ALMAVIVA, A RISCHIO 4.500 POSTI DI LAVORO

PALERMO: CRISI ALMAVIVA, A RISCHIO 4.500 POSTI DI LAVORO

“L’azienda negli ultimi tempi ha subito una sensibile flessione della propria attività e vive l’incertezza legata alle ipotesi di vendita di Alitalia. In questo momento paga il prezzo di una situazione logistica estremamente penalizzante. Confindustria avverte “una nuova bomba sociale sta per abbattersi sulla città. Le associazioni di categoria: “finalmente Confindustria si sveglia dopo tre anni di denunce delle organizzazioni sindacali”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Esplode il caso Almaviva. Confindustria avverte “una nuova bomba sociale sta per abbattersi sulla città”. La crisi è già nota e si riferisce ai 4.500 dipendenti palermitani della multinazionale con sedi in tutto il mondo che si occupa di call center per grandi compagnie (a Palermo sono interessate: Enel, Tim, Wind, Skype e Alitalia ma anche Amg) a innovazione tecnologica. Una mossa inedita per l’associazione degli industriali che ha così deciso di scendere in campo in difesa di uno dei propri associati e che riaccende i riflettori su una vertenza che si trascina da anni. L’azienda ha chiesto più volte alla Regione un locale dove potersi trasferire, pagando il relativo canone, visto che il fatturato è calato e si rischia la chiusura della sede cittadina aperta da 12 anni. Una crisi dovuta anche alla questione Alitalia, per la quale lavorano poco meno di mille dipendenti.

Il segretario provinciale dell’Ugl Claudio Marchesini, dichiara: “finalmente Confindustria si sveglia dopo tre anni di denunce delle organizzazioni sindacali, non sono stati fatti tanti passi avanti, abbiamo dato soluzioni all’azienda, anche per la sede, ma non sono state prese in considerazione. La contrazione dei volumi dipende anche dalla delocalizzazione interna, fatta in Italia”. Comunque una delle ipotesi per risolvere il problema potrebbe essere quella della fuoriuscita, mediante una legge regionale, di 106 ex lsu con un risparmio di 3,6 milioni. Dal canto loro i dirigenti di Confindustria in una nota sottolineano: “malgrado tutto, Almaviva ha anche manifestato la propria disponibilità a trasferire la sede legale sull’Isola e dunque a pagare i tributi alla Regione Siciliana. Ma il paradosso è che si susseguono incontri e confronti, si aprono i tavoli di contrattazione, ma non arrivano le risposte concrete di cui l’impresa ha bisogno. Una soluzione si può trovare. Non c’è più tempo da perdere. Il momento è estremamente delicato e non consente più alcun rinvio o ritardo nell’affrontare e risolvere in maniera definitiva la questione sollevata dal gruppo imprenditoriale. Urge una soluzione concreta e immediata. Altrimenti piangeremo le conseguenze di una altro caso Fiat”. La soluzione suggerita dagli industriali per acquisire la nuova sede è la concessione di un bene confiscato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook