REGIONE SICILIANA: PRECARI, APPROVATA LA PROROGA DI TRE ANNI E VIA ALL’ITER PER LE ASSUNZIONI

REGIONE SICILIANA: PRECARI, APPROVATA LA PROROGA DI TRE ANNI E VIA ALL’ITER PER LE ASSUNZIONI

“Lungo lavoro della giunta Crocetta che ha incontrato prima i sindacati, poi la maggioranza che sostiene l'esecutivo in un Vertice che si è tenuto a Palazzo d'Orleans: al centro della discussione la vertenza che riguarda i contratti di 24 mila lavoratori della pubblica amministrazione in Sicilia. L'obiettivo è studiare un disegno di legge che poi non possa essere impugnato. Poi, la giunta ha votato il testo. Comunque i dubbi rimangono. Cgil, Cisl e Uil soddisfatti a metà e preoccupati: ora la parola passa al commissario di Stato per il parere”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. La giunta regionale ha approvato il ddl per la proroga dei precari e l’avvio del processo di stabilizzazione con il ddl sull’impignorabilità della prima casa e dei beni utili strumentali al lavoro, entro il limite dei 200 mila euro da proporre al governo nazionale. Il nuovo ddl sui precari proroga per 3 anni i contratti di tutti i precari siciliani e consente a tutti gli enti di poter avviare il processo di stabilizzazione. Le risorse necessarie sono tutte a carico della Regione e frutto del risparmio effettuato nell’anno in corso e previsto nel prossimo anno nella lotta contro gli sprechi e il malaffare. Oltre alle pubbliche amministrazioni è prevista la forma dell’auto impiego e anche l’impiego, su richiesta del precario, in aziende private. Viene istituito un albo unico regionale, fatto di fasce diverse e lavoratori Asu. Il governo ha anche in programma di predisporre due ddl separati per Rmi ed ex Pip, per i quali sono già disponibili delle risorse per la continuazione dei progetti.

Nella nota si evince inoltre:”Per quanto concerne il disegno sull’impignorabilità della prima casa e dei mezzi di lavoro, come capannoni, trattori etc, questa risponde alla necessità di affrontare la grave crisi economica che travolge le famiglie e gli operatori economici”. Nei prossimi giorni il governo incontrerà tutti i gruppi parlamentari, compresa l’opposizione, per fare il punto dei testi sottoposti all’approvazione del Parlamento. Gli enti locali, nel frattempo, dovranno procedere alla mappatura del personale e redigere le piante organiche per la stabilizzazione dei lavoratori. I sindacati, che si dichiarano “soddisfatti a metà”,  avevano chiesto alla Regione un incontro con il ministero, perché preoccupati che alcuni punti dell’accordo possano confliggere con la circolare D’Alia, ma la proposta non è passata. Oggi, sono state organizzate manifestazioni di protesta e sit-in di precari programmati dai sindacati davanti alle prefetture siciliane.

Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia ha affermato: “La proroga di tre anni per i precari e l’inizio del processo di stabilizzazione sono contenuti importanti del disegno di legge della Regione, ma bisogna che continui il confronto per verificare alla fine quale testo uscirà dall’Ars e i regolamenti attuativi. Ma soprattutto, prima di cantare vittoria, è necessario aspettare il parere del commissario dello Stato”. “Adesso il governo Letta dovrebbe dare una mano per favorire l’approvazione della legge da parte del commissario Aronica e salvare finalmente i ventimila precari”. In merito al testo, Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil, e Michele Palazzotto, segretario generale della Funzione pubblica siciliana: “esso garantisce le proroghe per tre anni e l’avvio dei percorsi di stabilizzazione. Ci è stato assicurato che la prossima settimana si insedierà il tavolo per la definizione della circolare applicativa”. I due esponenti della Cgil rilevano la necessità di una “rapida conversione in legge del testo”. In attesa della quale i sindacati hanno deciso di confermare lo sciopero generale dei precari proclamato unitariamente per il 13 dicembre.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook