Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CROCETTA DENUNCIA IN TV I SUPER STIPENDI DEI FUNZIONARI E DIPENDENTI DELL’ARS

CROCETTA DENUNCIA IN TV I SUPER STIPENDI DEI FUNZIONARI E DIPENDENTI DELL’ARS

“Il presidente della Regione Siciliana durante il programma televisivo Matrix in onda su canale 5 in merito agli stipendi dell’Assemblea Regionale Siciliana ha detto che: "Il segretario dell'Assemblea prende 600 mila euro all'anno”, mentre “il segretario generale guadagna 600 mila euro all'anno e un usciere riceve fino a 7 mila euro al mese, più del presidente della Regione" poi dice “ma non posso intervenire a causa dell'autonomia”. Poi sullo scandalo della formazione ha risposto: “Quasi tutta la politica è coinvolta, ne vedremo ancora delle belle"

Print Friendly, PDF & Email

Crocetta. Le accuse del presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, sui costi della politica. Intervistato dal conduttore della trasmissione ‘Matrix’, Crocetta ieri sera ha affermato che: “Questo Parlamento regionale è chiaro che deve rivedere le spese, io alla Regione ho ridotto del 20% le indennità dei dirigenti. All’Ars invece il segretario generale guadagna 600 mila euro all’anno e un usciere riceve fino a 7 mila euro al mese, più del presidente della Regione”. E aggiunge: “non è tanto il costo del deputato” a incidere sulla spesa dell’Assemblea, ma quello della burocrazia. “Io ho potuto tagliare i costi alla Regione ma non posso farlo all’Ars, perché ha una sua autonomia”. E come esempio di quanto accadeva nel settore della formazione professionale, il presidente della Regione ha indicato la sede del “Ciapi” a Buenos Aires, “utilizzata come luogo di prostituzione”. “Quasi tutta la politica è coinvolta nella formazione – ha ribadito Crocetta – anche se non tutti i politici lo sono, questo è importante dirlo”. Crocetta, così, ha riparlato dello scandalo della formazione professionale, annunciando che, quando le indagini avviate da diverse Procure siciliane accerteranno quanto denunciato dalla sua giunta: “se ne vedranno delle belle”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook