Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MASCALI (CT): AZZERATA BANDA DI SPACCIATORI CHE OPERAVA NELLE PROVINCE DI MESSINA E CATANIA

MASCALI (CT): AZZERATA BANDA DI SPACCIATORI CHE OPERAVA NELLE PROVINCE DI MESSINA E CATANIA

“Stamane all’alba è scattata l’operazione “Idria” che ha coinvolto ottanta carabinieri di cinque diverse compagnie. Dieci le misure cautelari emesse. Nove arresti tra Catania e Messina uno è latitante. A capo dell'organizzazione un ventiseienne. La droga trasferita in auto arrivava anche nelle discoteche di Taormina e Giardini”.

Print Friendly, PDF & Email

Mascali. Azzerata dai carabinieri una rete dello spaccio a Mascali. Questa mattina all’alba sono state arrestate dai carabinieri di Giarre nove persone accusate di gestire la vendita di droga, in prevalenza cocaina e marijuana nelle località di Mascali, Taormina e Giardini Naxos. Gli arresti sono stati compiuti a Catania, Mascali, Giarre, Ramacca, Taormina e Giardini Naxos, e in provincia di Ravenna. L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore di Catania Rocco Liguori. Le ordinanze di custodia cautelare a vario titolo sono state emesse dal gip Oscar Biondi e sono: associazione finalizzata al traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, reati contro il patrimonio e violazione delle prescrizioni alle misure di prevenzione personali. Sono caduti nella trappola: Riccardo Calabretta, di 27 anni, Qualid Laabadi, un marocchino di 24, Davide Catanzaro, di 22, Francesco Costa, di 29, Vincenzo Musumeci, di 26, Marco Giammona, di 29, i fratelli Cosimo e Orazio Marino, rispettivamente di 58 e 51 anni, e Massimo Zingale, di 36 raggiunto a Ravenna. Le indagini iniziate dalla fine del 2011 fino all’inizio del 2012 e hanno permesso di smascherare a Mascali una rete di fornitori, pusher e fiancheggiatori. Durante le indagini i militari hanno sequestrato circa 250 dosi di marijuana; sei le persone arrestate in flagranza, due i denunciati. A capo dell’organizzazione ci sarebbe stato Musumeci. La droga era trasportata in auto noleggiate. Durante le conversazioni telefoniche veniva chiamata “coca cola”, “bastarda”, “caffè”, “dvd” o “pastiglione”. Catanzaro, Mercurio e Giammona avrebbero avuto il ruolo di pusher, spacciando inoltre nelle discoteche di Taormina e Giardini Naxos. A rifornirli di droga sarebbero stati i fratelli Marino, nella loro base logistica in via Pantelleria, nel quartiere di San Giovanni Galermo a Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook