Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: QUARTIERE ZEN, FAMIGLIA GAMBIZZATA

PALERMO: QUARTIERE ZEN, FAMIGLIA GAMBIZZATA

“Gli investigatori, nonostante l’ostilità e la forte omertà riscontrata tra la gente del quartiere, stanno indagando in merito all'aggressione subita dalla famiglia Romito nel quartiere Zen durante la quale, padre, madre e figlia sono stati feriti da due uomini armati che hanno cominciato a sparare mirando alle gambe dei malcapitati. Il movente potrebbe essere una lite con i vicini”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Polizia e carabinieri indagano sulla violenza subita dalla famiglia Romito oggetto di una sparatoria da parte di due uomini armati. L’aggressione si è consumata in via Costante Girardengo, quartiere Zen. L’altra sera, Paolo Romito, 49 anni, la moglie Giuseppa Savasta di 43 anni e la figlia di 21 erano in casa come sempre, quando degli sconosciuti hanno bussato alla porta. I membri della famiglia escono dall’appartamento per accertarsi chi era alla porta, usciti dall’uscio, contro di loro una sequenza di colpi d’arma da fuoco calibro 9. Le tre persone, ferite alle gambe, cadono sul pianerottolo in un lago di sangue. L’intera famiglia è stata gambizzata sull’uscio di casa. A sparare due persone che poi sono dileguate. Poi, una donna è stata aggredita nella propria abitazione dai parenti di un uomo arrestato per abusi su un minore, e potrebbe essere stata punita per avere testimoniato al processo che ha smascherato l’aguzzino: ora costretta a vivere in una località protetta. Scenario dei due inquietanti episodi, il quartiere Zen che si trova all’estrema periferia di Palermo. Al momento tra quanto accaduto, non ci sono elementi tranne l’omonimia di un cognome che potrebbe indurre a ipotizzare un collegamento tra le due aggressioni, avvenute a poca distanza di tempo l’una dall’altra e quasi nelle stesse ore. Per i carabinieri resta una vicenda complicata. Infatti, ancora non sono riusciti ad avere indizi neppure dalla moglie e dalla figlia, entrambe casalinghe. Allo Zen nessuno parla in un clima di omertà e degrado. Le bocche restano cucite soprattutto tra i vicini di casa dei gambizzati e quanti, avranno sentito i colpi delle armi usate.

Le tre vittime sono state interrogate e sono ricoverate nell’ospedale Villa Sofia con prognosi che comprendono tra i 20 e 30 giorni. Gli aggrediti non hanno fornito alcun elemento utile alle indagini come i vicini di casa. Gli investigatori non escludono nessuna pista anche se privilegiano quella dei contrasti con i vicini. Secondo una prima ricostruzione, ieri sera, prima dell’aggressione si sarebbe scatenata una rissa, alla quale sarebbe stata coinvolta la famiglia Romito al completo. Il capo famiglia che è attualmente disoccupato, ha riferito ai militari di essere un musicista, ha raccontato inoltre della lite avvenuta sulle scale del palazzo. Poi ha raccontato l’aggressione subita nel pianerottolo con due uomini armati che avrebbero sparato dall’alto verso il basso diversi colpi. Al termine dell’interrogatorio, ai carabinieri l’uomo ha detto di non aver riconosciuto gli aggressori e non ha saputo spiegare il motivo di tanta violenza.

A poche ore di distanza dall’avvenuta gambizzazione della famiglia Romito, l’altra aggressione che si è consumata in Via Rocky Marciano, sempre nel quartiere Zen. In questo caso è stata presa di mira una donna, la violenza è scattata dopo l’arresto di Carmelo Savasta, 64 anni, per una condanna divenuta definitiva a sei anni per violenza sessuale nei confronti di un minore. Dopo che gli agenti del commissariato San Lorenzo hanno portato via il loro congiunto, i parenti dell’uomo si sono scagliati contro la vicina di casa, che nel corso del processo aveva confermato le accuse contro l’uomo. Le tre figlie del pedofilo e alcuni parenti dell’uomo, approfittando che la signora minacciata si stava recando al commissariato per chiedere aiuto, sono entrati nell’appartamento della vittima e hanno permesso che una coppia senza casa occupasse l’abitazione della vittima. I poliziotti arrivati in forze nella residenza della signora minacciata, hanno arrestato sei persone e ne hanno denunciate cinque per stalking, violazione di domicilio aggravata dalla violenze sulle cose, danneggiamento aggravato, violenza e minaccia per costringere a commettere un reato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook