ETNA: CENERE VULCANICA, DANNI NEI PAESI DELLA FASCIA JONICA

ETNA: CENERE VULCANICA, DANNI NEI PAESI DELLA FASCIA JONICA

“Cenere sui paesi alle pendici dell’Etna, sindacati allarmati dopo l'ultima attività stromboliana del vulcano Sono gravi le ripercussioni su agricoltura, commercio e turismo. I paesi più colpiti sono Piedimonte Etneo, Calatabiano e Fiumefreddo”.

Print Friendly, PDF & Email

Etna. Sindacati chiedono il disastro ambientale. La caduta copiosa di cenere vulcanica nei paesi etnei  della fascia ionica in provincia di Catania, ha causato un vero e proprio disastro ambientale in particolare nei comuni di Piedimonte, Calatabiano e Fiumefreddo, la pioggia di cenere ha causato inoltre gravi ripercussioni su attività agricole, commerciali e turistiche. Lo hanno segnalato i sindacati Cgil e la Flai Cgil di Catania, sottolineando che sono caduti circa 7 kg di cenere per ogni metro quadrato. Il sindacato chiede al governo nazionale un intervento straordinario a sostegno dell’intero comparto agricolo “e per tale ragione – spiegano i sindacati – è necessario il riconoscimento dello stato di calamità e la messa in campo di iniziative concrete  per rilanciare l’intero comparto”. Al quadro già preoccupante bisogna aggiungere i disagi causati alla popolazione e i danni che hanno subito parecchie abitazioni. i sindacati concludono che “è necessario – un intervento del governo nazionale attraverso la protezione civile in modo da assegnare risorse economiche adeguate ai comuni per consentire  di ripristinare i danni arrecati alle abitazione, rendere immediatamente regolare e sicura la viabilità, sostenere i comuni a sostenere le spese per lo smaltimento della cenere”. Un altro settore fortemente penalizzato è quello turistico che si vede compromessa la possibilità di lavorare per tutto il periodo delle festività natalizie. Per i prossimi giorni è in programma un incontro con l’assessore regionale all’Agricoltura Dario Caltabellotta a cui saranno chieste misure adeguate.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook