Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LEONFORTE (EN): GENITORI COSTRIGONO FIGLIA MINORENNE A PROSTITUIRSI CON UN ANZIANO

LEONFORTE (EN): GENITORI COSTRIGONO FIGLIA MINORENNE A PROSTITUIRSI CON UN ANZIANO

“Per fare fronte ai gravi problemi economici una coppia di genitori avrebbero fatto prostituire la loro figlia allora quindicenne. La ragazzina sarebbe stata costretta a incontri sessuali con il datore di lavoro dei genitori dal quale ha avuto anche un figlio. Dopo il parto la giovane vittima ha raccontato tutto ai servizi sociali. I tre personaggi sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile”.

Print Friendly, PDF & Email

Leonforte. Questa mattina il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. Una coppia di genitori di Leonforte, in provincia di Enna, hanno fatto prostituire la figlia minorenne con il loro anziano datore di lavoro (oggi ottantenne), dal quale la ragazza ha avuto un figlio. Nel 2008 la ragazza rimase incinta e diede alla luce un bimbo. A questo punto gli incontri a pagamento si sarebbero interrotti. Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso. La giovane aveva così raccontato tutto consentendo l’apertura dell’indagine. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano. La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori, da quando aveva 15 anni. Per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro. L’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato. I tre personaggi sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook