PALERMO: “NO MUOS” E “PRENDO CASA” OCCUPANO DUE ASSESSORATI REGIONALI

PALERMO: “NO MUOS” E “PRENDO CASA” OCCUPANO DUE ASSESSORATI REGIONALI

“Senza casa e No Muos occupano due assessorati regionali. Il comitato "Prendo casa" ha partecipato alla manifestazione per l'emergenza abitativa contro i trentamila sfratti e sgomberi in città e occupano l’assessorato regionale per la Famiglia in via Trinacria. Anche gli attivisti “No Muos” in protesta contro la costruzione degli impianti di contrada Ulmo si sono introdotti all’interno degli uffici del dipartimento del Territorio in via Ugo La Malfa”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Un gruppo di aderenti al comitato “Prendo casa” ha occupato stamane l’assessorato regionale per Famiglia, in via Trinacria. I manifestanti protestano perché la casa è un diritto e il capoluogo siciliano è ormai diventato capitale dell’emergenza abitativa 2013. Un detto che sbeffeggia la candidatura di Palermo come Capitale europea della cultura nel 2019, mentre ancora tante sono le emergenze sociali in città. “Mentre Orlando investe tempo, energie e sopratutto danaro pubblico nella realizzazione di opere tese a un miglioramento superficiale e di facciata della città – Emiliano Spera portavoce del comitato comunica in una nota – negli ultimi anni a Palermo sono stati resi esecutivi più di 30 mila sfratti e sgomberi e questi si aggiungono ai già tristi record di richieste di alloggi popolari oltreché dei tassi sempre più allarmanti su povertà e disoccupazione. Ricordiamo le condizioni in cui versano gli operai della Gesip la cui unica certezza è al momento costituita dal ripresentarsi del rischio di licenziamento per 1.200 operai. Questi dati – aggiunge Spera – fanno di Palermo capitale europea dell’emergenze sociali e prima di lavorare a una Palermo capitale della cultura, Orlando e la sua giunta devono compiere passi concreti in direzione di una risoluzione reale del problema abitativo e con esso di tutte le problematiche che caratterizzano i soggetti sociali investiti dalle politiche di austerity attuatesi a livello nazionale e internazionale”.

Nelle stesse ore poco meno di ottanta attivisti del movimento “No Muos” occupa gli uffici dell’assessorato regionale all’Ambiente e al territorio, in via Ugo La Malfa. Gli attivisti hanno appeso uno striscione dalla una finestra: “Stop alla devastazione del territorio. No Muos in assedio”. I “No Muos” protestano contro l’installazione delle 46 antenne Nrtf e la costruzione dell’impianto di comunicazione satellitare a Niscemi in provincia di Caltanissetta. “Le uniche grandi opere che vogliamo nei nostri territori – afferma Ivan Lupo, attivista No Muos – sono case e reddito per tutti. Diritti fondamentali di cui i governi e le amministrazioni locali di qualsiasi colore politico ci hanno privato e continuano a privarci. Si deve ripartire per un autunno denso di stravolgimenti e risultati”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook