Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CATANIA: SALTA IL CONSIGLIO COMUNALE SULLA VARIANTE NEL PRG

CATANIA: SALTA IL CONSIGLIO COMUNALE SULLA VARIANTE NEL PRG

“Ieri il Consiglio comunale ha rinviato la seduta per mancanza del numero legale. Prima della sospensione della seduta, un gruppo di ex dipendenti Ipi ha protestato in aula per chiedere attenzione verso la loro delicata situazione. La riunione del consesso sulla variante nel Prg è stata rimandata a oggi pomeriggio”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. (Immagine di repertorio). Ieri pomeriggio il Consiglio comunale ha rinviato la seduta a questa sera per mancanza del numero legale. L’aula si è divisa sulla votazione di una variante al Piano regolatore generale, che faceva parte del primo punto all’ordine del giorno. Dopo la fase ispettiva e delle comunicazioni, alcuni consiglieri hanno evidenziato urgenze da sottoporre all’amministrazione comunale. Nel momento in cui si doveva votare per l’approvazione della delibera di variante al prg la seduta è stata sospesa per mancanza del numero legale. I consiglieri della compagine di maggioranza non erano presenti in aula, cosa che ha fatto gridare allo scandalo gli esponenti dell’opposizione, in particolare quelli appartenenti al gruppo Grande Catania. L’ opposizione si domanda come in un atto del genere, così importante, la maggioranza sia scomparsa determinando così il rinvio della seduta. Comunque, la delibera sarà nuovamente discussa in aula oggi pomeriggio, con la probabilità di essere approvata dopo l’inserimento di una modifica. La sospensione di ieri sera, secondo alcuni rappresentanti della maggioranza, è stata causata proprio dall’esigenza di approfondire lo studio  dell’atto. Quindi, tutto rimandato a oggi pomeriggio, anche se ieri la riunione del consesso civico non è andata proprio a vuoto. Ad assistere alla seduta vi erano infatti alcuni ex dipendenti della Ipi, impegnati nel progetto di raccolta dei rifiuti porta a porta, realizzato per un anno in via sperimentale in una parte della città e che, dopo aver terminato il servizio, nonostante avessero firmato un contratto tempo indeterminato, non sono stati inseriti tra la forza lavoro del gruppo di imprese Ipi – Oikos che si è aggiudicato l’appalto quinquennale per la raccolta dei rifiuti a Catania.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook