CATANIA: IN PIAZZA CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ

CATANIA: IN PIAZZA CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ

“Catania in sciopero contro la legge di stabilità. I lavoratori dell’Anfe, Bellini, Almaviva, Stabile, Cesame e Riela in protesta. La città etnea e le tante vertenze aperte”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Nei cartelli luminosi delle fermate degli autobus annunciano “disagi a partire dalle ore 12 a causa dello sciopero”. Oggi a Catania quasi tutto si ferma. A pochi passi dalla villa Bellini sventolano le bandiere di Cgil e Uil, avvertono che tutto è pronto per la mobilitazione nazionale contro la legge di stabilità. Questo ormai accomuna tutte le piazze italiane i sindacati sono sul piede di guerra, l’unica assente, la Cisl. Una scelta stabilita a livello locale.“Non abbiamo partecipato al corteo – dichiara Rosaria Rotolo, segretario generale del sindacato etneo – pur aderendo allo sciopero, perché riteniamo più opportuno connotare la protesta in senso regionale. Manifesteremo il 23 novembre a Palermo per chiedere all’esecutivo regionale un’assunzione di responsabilità, all’interno della legge di stabilità regionale, stanziando fondi in favore del lavoro produttivo e di politiche sociali in difesa di anziani e famiglie”. Il segretario della Uil etnea, Angelo Mattone, sulla discordia fra i sindacati minimizza: “Si tratta solo di piccole incomprensioni. Domani riprenderemo il dialogo con la Cisl, la linea unitaria è salda”. Angelo Villari, segretario generale della Cgil catanese rifiuta l’idea di una “manifestazione contro il governo regionale”, ma propone una iniziativa volta “a pungolare l’esecutivo regionale perché affianchi al tema della legalità, misure serie per lo sviluppo e il lavoro”. Serve una manovra all’insegna dell’equità, questo chiedono a gran voce i lavoratori che compongono il lungo corteo che attraversa la via Etnea fino a Piazza Manganelli.  Il lavoro, tema principale, invocano a più riprese mentre intonano canti di lotta e mostrano cartelloni più o meno colorati. “I nuovi schiavi” recita una casacca nera indossata da un dipendente dell’Anfe senza stipendio da mesi. “Senza lavoro si muore”

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook