PALERMO: “BINGO LAS VEGAS”, DIPENDENTI IN PROTESTA DAVANTI AL LOCALE

PALERMO: “BINGO LAS VEGAS”, DIPENDENTI IN PROTESTA DAVANTI AL LOCALE

“I lavoratori della sala da gioco di Palermo si sono riuniti in protesta davanti i locali del noto "Las Vegas Bingo" per manifestare contro la totale assenza d'informazioni sulla cessione dell'attività e la mancata retribuzione di sette mensilità. Il motivo della mobilitazione è anche il licenziamento di 10 dipendenti”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I dipendenti del noto esercizio, “ Bingo Las Vegas” non vogliono più attendere una risposta che non arriva in merito al loro futuro e che procura incertezza, anche sulla vita delle proprie famiglie. Infatti i lavoratori del “Bingo Las Vegas” di viale Regione Siciliana si sono riuniti davanti i locali della nota sala da gioco in sit-in. Il bingo è uno dei più grandi d’Europa, lo scorso novembre è stato confiscato poiché lì la mafia riciclava grosse somme di denaro. La mobilitazione è stata indetta dalla Fisascat Cisl e dalla Filcams Cgil. I dipendenti lamentano la totale assenza d’informazioni sullo stato di cessione del ramo d’azienda, oltre che la mancata retribuzione di sette mensilità che ha aggravato lo stato di crisi delle loro famiglie. Aleggia, infatti, il clima d’assoluta incertezza che viene fuori dalle trattative per la cessione del ramo d’azienda e che preoccupa, soprattutto, i lavoratori licenziati, a causa dell’esubero del personale del settore della guardianìa, e che sono stati sostituiti da impiegati di una ditta esterna. La protesta è montata anche per il licenziamento di 10 dipendenti e tra c’è anche il guardiano del locale che è stato rimpiazzato dalla ditta di sorveglianza Ksm.

I dipendenti riferiscono inoltre che sono stati diverse volte a colloquio con il vicequestore per discutere il passaggio dell’attività ad un nuovo imprenditore ma a tutt’oggi non vi è nessuna novità. Se la trattativa non dovesse andare in porto i lavoratori supportati dai sindacati chiedono l’istituzione di un bando pubblico.  La storia della sala bingo si interseca con le recenti vicende giudiziarie. Infatti, l’anno passato, la Corte d’Appello di Palermo ha confiscato i locali intestati ai fratelli Casarube, ma nei fatti di proprietà del boss palermitano Nino Rotolo, capo del “mandamento” mafioso di Pagliarelli, che la utilizzava per riciclare il denaro sporco di Cosa nostra. Da quel momento l’amministrazione giudiziara si occupò dell’affitto del ramo d’azienda alla “società Solfin” dell’imprenditore Giuseppe Forello, uno dei signori del “gioco” in Sicilia. Forello ha dato la disponibilità a riassorbire 30 dei 47 lavoratori impiegati nella sala da gioco anche se, negli ultimi mesi, ancora non è stato fatto nulla. Ora, nel caso in cui dovesse saltare l’accordo con Forello, gli amministratori giudiziari sono pronti a consegnare i libri in tribunale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook