CATANIA: FORMAZIONE, DIPENDENTI ANFE IN PIAZZA PER PROTESTARE

CATANIA: FORMAZIONE, DIPENDENTI ANFE IN PIAZZA PER PROTESTARE

“I dipendenti dell’Istituto di Formazione Anfe sono indietro di venti mensilità e sono in piazza Università e protestano per definire le loro posizioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. la protesta dei dipendenti Anfe della provincia etnea si sposta in piazza Università. Questa mattina, tutti i dipendenti, docenti e personale tecnico, si sono dati appuntamento per esigere il pagamento di venti mensilità arretrate che la Ragione Siciliana deve a loro. La manifestazione è stata indetta dalle segreterie provinciali catanesi della FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola per definire i ritardi nelle erogazioni degli stipendi e sollecitare un confronto sulla riforma del settore. Un appuntamento era stato già fissato, e proprio in quel giorno, giovedì, una parte dei dipendenti era salita sul tetto della sede dell’istituto catanese di via Raimondo Franchetti, minacciando di gettarsi giù. Momento di disperazione bloccato grazie all’intervento della Digos e della Prefettura. Proprio quel giorno l’assessore al ramo per la Formazione, Nelli Scilabra, assicurava che sarebbero stati versati quanto prima parte degli emolumenti per sbloccare le risorse nei confrnti dell’Anfe di Catania con l’esclusivo vincolo di destinazione al pagamento delle spese per il personale. Un impegno che, a tutt’oggi non convince del tutto i lavoratori. Sabato nella sede dell’Anfe di Acireale sono state sospese le attività didattiche, situazione seguita probabilmente anche dalla sede catanese. Le vicende dell’Anfe Catania s’incrociano con l’inchiesta Pandora aperta dalla Procura etnea, ma in questa situazione i lavoratori ribadiscono, non c’entrano nulla e che ritengono di essere vittime di un sistema che ha provocato questa situazione negativa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook