Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LENTINI (SR): CARABINIERI IRROMPONO IN UN COVO MAFIOSO, IN MANETTE UN LATITANTE, IL FRATELLO SI SPARA

LENTINI (SR): CARABINIERI IRROMPONO IN UN COVO MAFIOSO, IN MANETTE UN LATITANTE, IL FRATELLO SI SPARA

“Nelle campagne di Lentini i carabinieri del Gis hanno effettuato un blitz in un covo dove si nascondevano due latitanti. In un casolare si nascondevano due boss del clan dei “Tortoriciani”. Si tratta di Calogero Mignacca subito arrestato e il fratello Vincenzino che si è tolto la vita con un colpo di pistola alla tempia”

Print Friendly, PDF & Email

Lentini.  I carabinieri dei Gruppi di intervento speciale, dopo avere circondato il casolare di campagna dove si nascondevano i due latitanti, hanno più volte intimato loro di arrendersi prima di fare irruzione nel covo sfondando la porta di ingresso e immobilizzando Calogero Mignacca che era in possesso di una pistola. Il fratello Vincenzino, che si trovava in un’altra stanza, dopo essersi accorto dei militari coperti dagli scudi protettivi si è sparato. I due fratelli sono esponenti di spicco del clan mafioso dei Tortoriciani. L’operazione è stata condotta dai reparti operativi del Gis di Messina e Catania, coordinati dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Messina. Calogero e Vincenzino Mignacca, rispettivamente di 41 e 45 anni, erano stati condannati all’ergastolo con sentenze definitive per associazione mafiosa, omicidi, rapine, estorsioni e altri reati. Il blitz si è concluso positivamente con l’arresto di Calogero Mignacca mentre il fratello Vincenzino si è sparato un colpo di pistola alla tempia.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook