Archiviato in | Musica, Spettacolo

JAKE LA FURIA: LA NOSTRA INTERVISTA AL NOTO RAPPER

JAKE LA FURIA: LA NOSTRA INTERVISTA AL NOTO RAPPER

"Ieri pomeriggio Jake La Furia, ha incontrato i suoi fan nella libreria “La Feltrinelli” di Catania, ammiratori che fin dalle prime ore del mattino lo attendevano con ansia per firmare le copie del nuovo album “Musica Commerciale”.

Print Friendly, PDF & Email

Jake La Furia, classe 1979, cresciuto tra Milano, Lentini e Paternò grazie al papà milanese e la mamma catanese. Ieri pomeriggio nella libreria “La Feltrinelli” di Catania ha incontrato i suoi fan che fin dalle prime ore del mattino lo attendevo con ansia per il firma copie del nuovo album “Musica Commerciale”. Jake La Furia, all’anagrafe Francesco Vigorelli, è uno dei componenti dei “Club Dogo” e dei “Dogo Gang”.

Come si spiega che il rap sta andando molto di moda?

“Finalmente anche l’Italia è diventato come il resto dell’Europa e del mondo. A livello comunicativo il rapper ha sostituito il cantautorato perché forse quello è diventato più complicato da seguire. Oggi i rapper parlano un linguaggio capito ed ascoltato da tutti. Una musica più facile da seguire e da ascoltare”.

Cosa ricorda del suo esordio?

“Sicuramente il momento più bello è stato il primo concerto sold out con i Club Dogo nel 2006 al Rolling Stones di Milano. Lì abbiamo capito di avercela fatta e di esserci riusciti”.

Come nasce la volontà di uscire con un album da solista?  “

I miei soci erano impegnati ed io avevo del tempo libero. Così la mia etichetta ha deciso di far uscire questo nuovo album”. Ma come nasce una canzone? “Non c’è un modo particolare. Metti insieme le immagini ed i pensieri che hai in testa. Cosa ti piacerebbe dire. Poi ricevo le basi e decido cosa metterci sopra. Mi ispira molto anche la musica. Le mie idee di getto prendono forma nella musica”.

Viene seguito e amato da un pubblico principalmente di adolescenti, non pensa di lanciare messaggi negativi nei suoi testi?

“Non lancio nessun messaggio. Io racconto quello che mi succede. Non do consigli ma spiego le mie riflessione di quello che vedo. Non sono l’educatore di nessuno. Io scrivo musica per tutti perché sarebbe riduttivo che mi ascoltassero solo gli adolescenti. Altrimenti potrei fare un cd di Hanna Montana e Violetta”.

Il suo video della canzone “Inno Nazionale” è stato censurato e boicottato da Youtube e da tutti i canali musicali poiché contiene scene adatte ad un pubblico adulto. Come mai questa scelta? C’è rimasto male, anche perché sono tutte immagini che quotidianamente si vedono nei vari telegiornali.

“Quando abbiamo preparato il video eravamo consapevoli che non sarebbe passato, però visto le parole dure della canzone dovevamo produrre un video crudo. Abbiamo semplicemente raccontato tutta la schifezza che c’è in Italia con la consapevolezza che ormai tutti cercano di vivere in maniera furbetta. Qualunque classe o ceto sociale, nessuno più si indigna per niente. È una situazione grottesca ma nessuno fa nulla. Io non mi sono rassegnato ed ecco una canzone ed un video che lo testimoniano”.

Nella canzone lei dice “la mafia è bella, la mafia è giusta”, non è un bel messaggio da lanciare agli adolescenti che la seguono.

“Non è assolutamente un messaggio che io voglio mandare, anzi. È la trasformazione letteraria di una frase del film Mary per sempre. Bisogna bene analizzare il testo. La strofa prima descrive che qui nessuno lavora, nessuno sa niente ma tutti sanno a memoria solo Vasco e Mery per sempre”.

http://www.youtube.com/watch?v=Gputgxym7oI

Che consigli si sente di dare ai giovani di oggi?

“Non hanno più nessun interesse. Niente di niente solo playstation e cellulare. Disinteresse totale sulla cultura, sulla politica su qualsiasi cosa. Io sono andato poco a scuola però sono sempre stato curioso e consiglio proprio questo. Siate curiosi, approfondite tutti gli aspetti della vita che vi circonda. Fate le cose con passione. Interrogatevi sul futuro e sulla vita”.

Con Dargen D’Amico prima amici, poi indifferenza e successivamente di nuovo ottimi amici. Ma esiste l’amicizia nel mondo musicale?

E’ un mondo fatto di persone in carne ossa e come in tutte le cose ci sono i veri amici e quelli finti. Nel caso di D’Amico volevo anche una sua collaborazione in questo mio nuovo album ma per problemi di tempo non ci siamo arrivati. Speriamo qualcosa in futuro. Nella musica, comunque, ho amici come Emis Killa e Max Pezzali”.

Killa, sta facendo parlare per il suo brano contro Dio e la religione. Lei come si definisce?

“Io non sono credente e non lo sono mai stato anche per scelta della mai famiglia. Non sono neanche battezzato. Non sono un fedele però adoro collezionare immagini sacre o statuette raffiguranti i Santi. Ho molti tatuaggi con l’immagine dei Santi perché sono propri belli”.

Invece con Max Pezzali quanto siete amici?

“Siamo amici da sempre. Oltre la musica ci unisce anche la passione per le moto. Nell’album ho violentato anche la sua canzone “Gli anni””.

Con lui ha condotto anche un programma estivo su ItaliaUno. Meglio cantare o presentare?

 “Si è stato una bella esperienza. Meglio cantare ma il mondo televisivo mi diverte. Certo non potei fare un approfondimento politico. Devo fare qualcosa di leggero”.

Progetti futuri?

“A breve partirà il tour che mi vedrà da solista con <<Musica Commerciale>> e speriamo di arrivare anche in Sicilia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook