Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: HUMANITAS, BLOCCATA LA DELIBERA DI APPREZZAMENTO

REGIONE SICILIANA: HUMANITAS, BLOCCATA LA DELIBERA DI APPREZZAMENTO

“La giunta regionale fa marcia indietro e blocca ogni accreditamento di posti letto per acuti privati, chiudendo così il caso della nuova struttura oncologica a Misterbianco che ha innescato fraintendimenti con i gruppi politici, Pd e Udc”

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. L’Amministrazione Crocetta blocca ogni accreditamento di posti letto per acuti privati, e ferma così i malumori per il caso Humanitas. Si tratta del centro oncologico che ha in progetto la realizzazione di una nuova struttura a Miaterbianco (Ct). La delibera emessa dalla giunta Crocetta ha provocato le proteste di Pd e Udc, quest’ultima aveva minacciato di aprire la crisi se il governo regionale non avesse provveduto a fare chiarezza. Così con un comunicato, la giunta regionale evidenzia: “Vista la delibera di apprezzamento del 2 luglio 238/2013 che subordinava l’incremento di nuovi posti letto all’avvenuta realizzazione della nuova struttura Humanitas e ai vincoli delle disposizioni normative del settore sanitario ‘emanate ed emanande’, nell’ambito di un progetto di investimento di 80 milioni di euro realizzato per impedire la migrazione di pazienti dalla Sicilia verso i centri Humanitas della Lombardia, la Giunta ha rilevato che le nuove direttive ministeriali non consentono alla Regione Siciliana di incrementare i posti letto per acuti a favore della sanità privata. Considerata pertanto l’inattuabilità dell’incremento di nuovi posti, ha deliberato di bloccare ogni accreditamento di nuovi posti letto per acuti privati e quindi di ritirare la delibera 238 relativa all’Humanitas perché inattuabile”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook