Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

NAPOLI-CATANIA: I ROSSOAZZURRI SPERANO DI ARGINARE IL NAPOLI

NAPOLI-CATANIA: I ROSSOAZZURRI SPERANO DI ARGINARE IL NAPOLI

Sabato 2 Novembre ore 20.45 arriva il Napoli per la squadra di Mister De Canio. I partenopei devono centrare un solo risultato: la vittoria. Per gli etnei è arrivato il momento di svoltare.

Print Friendly, PDF & Email

Napoli-Catania. Forse solo un momentaccio per la società di Antonino Pulvirenti? Adesso ha poca importanza. Ora bisogna impegnarsi per dimostrare di meritare la Serie A. I favori della vigilia sono ovviamente tutti per i partenopei, infatti, questi ultimi, ormai da diversi campionati, riescono a creare i maggiori successi proprio in casa.  Per  discutere dell’ultima vittoria rossoazzurra, dobbiamo andare indietro di circa 50 anni, siamo nella stagione 1960/61, quando Morelli firmò la vittoria del Catania. Più recente l’ultima vittoria partenopea con Hamsik e Cannavaro che la scorsa stagione hanno firmato il 2-0 per la squadra guidata allora da Walter Mazzarri. Mentre per quanto riguarda l’ultimo pareggio bisogna citare il 2-2 di due anni fa, quando ai gol di Dzemaili e Cavani hanno risposto le reti di Legrottaglie e Spolli. Il Napoli deve fare i conti con le assenze di  Zuniga e Britos, farà un po’ di spazio al turnover con Pandev che presumibilmente giocherà al posto di Higuain. Resta ancora il ballottaggio irrisolto tra Albiol-Cannavaro e Insigne-Mertens, con i primi dati favoriti sui secondi. Quindi volendo disegnare una possibile formazione schieriamo un 4-2-3-1 con Reina tra i pali, difesa da destra a sinistra con Mesto, Fernandez, Albiol, Armero, i due mediani saranno la coppia svizzera Dzemaili e Behrami, sulla trequarti quindi Callejon, Hamsik, Insigne con Goran Pandev unico riferimento centrale.
Discorso un po’ diverso per quanto riguarda il Catania, con De Canio che dovrà cercare di comporre una formazione con tante, tantissime assenze: Guarente, Spolli, Cabalceta, Peruzzi, Rolin, Plasil, Bellusci, Boateng, Monzon, Barrientos e Bergessio. Quindi si va verso un 4-3-3, visto che l’esperimento 3-5-2 non ha dato i frutti sperati: Andujar in porta, linea difensiva quindi tutta da camporre con Alvarez-Gyömber-Legrottaglie-Biraghi, centrocampo a 3 che deve fare a meno di Plasil con Izco-Tachstidis-Almiron e tridente inedito con le assenze forzate di Barrientos e Bergessio, formato da Keko-Maxi Lopez-Castro. Vincere per il Catania vorrebbe dire dare una svolta e alzare il morale alla squadra e ai tifosi. Per il Napoli il discorso è diverso, bisogna vincere a tutti i costi, la Roma è un rullo compressore non intenzionato a fermarsi. Adesso spazio ai giocatori in campo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook