Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: BLOCCATA BANDA, SEQUESTRAVANO MINORI ALL’ESTERO

PALERMO: BLOCCATA BANDA, SEQUESTRAVANO MINORI ALL’ESTERO

“Smascherata banda internazionale. Pare che l’organizzazione agiva in diverse nazioni, chiedevano anche 200 mila euro per restituire i bambini. Nell’inchiesta è coinvolta un'ex velista ucraina che a Palermo noleggia barche di lusso”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I carabinieri hanno bloccato i presunti membri di una banda che agiva in molti stati esteri. La banda era specializzata nel “recupero” di minori contesi tra genitori di Paesi diversi, con la pianificazione, organizzazione ed esecuzione di veri e propri sequestri di persona, spesso con l’uso della violenza. Gli arrestati sarebbero: Luigi Cannistraro, 30 anni, Antonino Barazza, 46 anni, Sebastiano Calabrese, 38. Ordinanze da eseguire all’estero tramite rogatoria sono destinate a Per Ake Helgesson, svedese, 54 anni, Elisabeth Wenche, norvegese, 47 anni e Martin Vage, norvegese, 40 anni. I fermati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata al compimento di vari reati tra cui tratta di persone, sequestro di persona e sottrazione e trattenimento di minore all’estero. Il reato associativo è aggravato dal fatto che l’organizzazione era impegnata in attività criminali in più di uno Stato. I carabinieri di Carini, Palermo, Brescia e Trapani hanno arrestato i presunti componenti di un’organizzazione che avrebbe gestito il sequestro di minori all’estero. Le famiglie per recuperare il loro bambino rapito erano disposte a pagare anche 200 mila euro. Pare che la banda avrebbe avuto sedi in mezzo mondo, sfruttando la Sicilia per la sua vicinanza con l’Africa. Dal paese in provincia di Palermo è scattata un’inchiesta che si estende dal Maghreb al Nord Europa, passando per i paesi dell’Est.

Tra le persone coinvolte Larysa Moskalenko, una ex atleta ucraina di 50 anni, vincitrice della medaglia di bronzo nella vela alle olimpiadi di Seul 1988, titolare di società di noleggio barche di lusso di Palermo. Sarebbe stata la Moskalenko a mettere a disposizione imbarcazioni e skipper per le operazioni condotte sui minori. Individuata la mente del gruppo sarebbe un norvegese, mentre l’organizzatore dei traffici uno svedese. Avrebbero utilizzato come base la zona di Capaci e la logistica messa a disposizione dall’ex olimpionica. L’inchiesta “Caronte” è partita dall’incendio dell’albergo Portorais a Cinisi a due passi dall’aeroporto Falcone Borsellino che si è verificato la notte tra il 28 e 29 maggio. Un incendio doloso che ha distrutto la struttura che era chiusa da qualche anno. Nel corso delle intercettazioni i carabinieri hanno ricostruito l’organizzazione e il ruolo giocato dalla donna ucraina, compagna del titolare dell’albergo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook