Archiviato in | Cronaca Regionale, Spettacolo, Teatro

TEATRO VERGA CATANIA: LA DANDINI DENUNCIA LE SUE FERITE A MORTE CONTRO IL FEMMINICIDIO

TEATRO VERGA CATANIA: LA DANDINI DENUNCIA LE SUE FERITE A MORTE CONTRO IL FEMMINICIDIO

"Serena Dandini , lunedi 28 ottobre alle ore 20.30 al Teatro Verga di Catania denuncerà le sue “Ferite a morte” contro il femminicidio. “Ferite a morte”, prima un progetto teatrale sempre sold out, subito dopo è diventato un libro immediatamente in cima alle classifiche. Due formidabili strumenti di sensibilizzazione, entrambi scritti con la collaborazione ai testi e alle ricerche di Maura Misiti, ricercatrice dell’Irpps – Cnr che da tempo si occupa di violenza contro le donne. La manifestazione, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, rientra in una visione mirata ancora una volta alla sensibilizzazione civile."

Print Friendly, PDF & Email

Purtroppo è sempre più attuale il termine “femminicidio” all’interno della cronaca qutotidiana. L’allora ministro Mara Carfagna e l’avvocato Giulia Bongiorno hanno avanzato una proposta di legge per punire con l’ergastolo chi commette questo violento crimine. A sostenere la lotta contro questo grave e triste fenomeno sono scesi in campo anche diversi personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo. Grazie ad una manifestazione organizzata in sinergia dal Teatro Stabile di Catania per il ciclo “LibrinScena” e dall’Unione Donne Italiane di Catania, Serena Dandini , lunedi 28 ottobre alle ore 20.30  al Teatro Verga di Catania denuncerà le sue “Ferite a morte” contro il femminicidio. “Ferite a morte”, prima un progetto teatrale sempre sold out, subito dopo è diventato un libro immediatamente in cima alle classifiche. Due formidabili strumenti di sensibilizzazione, entrambi scritti con la collaborazione ai testi e alle ricerche di Maura Misiti, ricercatrice dell’Irpps – Cnr che da tempo si occupa di violenza contro le donne. La manifestazione, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti,  rientra in una visione mirata ancora una volta alla sensibilizzazione civile.

In “Ferite a morte”, nello spettacolo come nelle pagine del libro, Serena Dandini usa tutte le sfumature dell’emotività, dal comico al tragico, dal grottesco al drammatico, per ridare voce alle vittime. Donne umiliate e uccise da maschi violenti (mariti, fidanzati, padroni, colleghi, estranei) narrano in prima persona le loro vite (vere, o terribilmente verosimili): una “Spoon River” di rabbia, dolore e dolcezza per raccontare la loro sofferenza, per denunciare una strage che si compie sotto i nostri occhi. Saranno presenti sul palco per la lettura di alcuni passaggi importanti del libro le attrici Vitalba Andrea, Guia Jelo, Nellina Laganà. Con loro anche una personalità femminile che ha avuto in Sicilia un ruolo di rilievo nella tutela dei diritti delle donne, l’avvocato Adriana Laudani dell’Udi di Catania. E a dar fresca voce ai racconti saranno ancora Janine Bongiovanni, ultima in ordine di tempo entrata a far parte dell’Udi e due studentesse degli istituti superiori catanesi. «La violenza di genere – evidenzia il direttore dello Stabile, Giuseppe Dipasquale – è una tragedia quotidiana che ci riguarda tutti. Come sempre di fronte a tali emergenze, la soluzione è innanzitutto culturale: solo così si può mirare a contenere, e possibilmente estirpare, un’orribile piaga sociale. Prevenzione e sensibilizzazione sono le chiavi del cambiamento, un impegno continuativo che noi del Tsc abbiamo voluto assumerci sia attraverso iniziative di forte richiamo come questa, sia con l’adesione alla campagna “Posto Occupato”, riservando in sala una poltrona “vuota”, destinata ad una donna che avrebbe potuto esserci e invece non c’è più». Lo spettacolo teatrale di Serena Dandini sta per affrontare un tour mondiale che approderà il 25 novembre alle Nazioni Unite.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook