Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO CATANIA: MISTER DE CANIO SI PRESENTA AI TIFOSI

CALCIO CATANIA: MISTER DE CANIO SI PRESENTA AI TIFOSI

"il lavoro di gruppo sarà la prassi a cui si dovrà attenere la squadra, ha spiegato De Canio, considerando la possibile convivenza di Maxi Lopez e Bergessio in attacco. il nuovo allenatore del Catania, ha anche detto che la sfida con il Sassuolo, domenica prossima, sarà per lui il primo esame. Iniziare con una vittoria darebbe la spinta giusta e solleverà il morale ai calciatori etnei. Ora, spazio al gioco".

Print Friendly, PDF & Email

Calcio Catania. Questa mattina nei locali del Centro Sportivo Torre del Grifo, il presidente Antonino Pulvirenti ha presentato in conferenza stampa il nuovo Mister, Gigi De Canio. Inoltre, Pulvirenti ha spiegato i motivi che hanno causato l’esonero di Rolando Maran: “Volevo ringraziare Maran ed il suo vice Christian Maraner. Purtroppo il calcio è fatto di decisioni, e dato che i risultati non sono stati quelli sperati siamo arrivati a una decisione molto dolorosa, nell’interesse di migliorare la situazione. Un ringraziamento a Maran come uomo e come allenatore per quello che ci ha dato. Questa decisione paradossalmente è figlia dello splendido campionato che abbiamo fatto lo scorso anno. Ci hanno un po’ fatto perdere quali sono i nostri obiettivi, il nostro primo obiettivo è salvarci. Se si perde questo, c’è bisogno di un cambio di guida tecnica per cercare di farci migliorare. Io ho provato a fare questo con la vecchia guida tecnica, io ci ho provato, ma non è bastato.”

Poi Pulvirenti parlando del novo mister , ha detto che già da quando era alla guida tecnica dell’Acireale l’avrebbe voluto con sè il bel calcio messo in campo da quest’ultimo, citando l’esempio del Lecce. Gigi De Canio ha risposto con la consueta tranquillità e franchezza che lo contraddistinguono, quando è stato chiesto quali sono stati i problemi di questo Catania e come risolverli ha replicato: “Non posso ancora rispondere a questa domanda – ha affermato il mister –  Sono abituato a rispondere a queste domande quando sono dentro alle cose. Per un allenatore, il Catania è una società dove  si può lavorare bene. Questa è una società dove c’è voglia di migliorare. Questo è uno dei motivi che mi ha spinto a lavorare qui”. Sugli obiettivi del Catania e sull’aspetto tecnico-tattico, il nuovo allenatore ha risposto così: “Ogni uomo ha l’obbligo di porsi degli obiettivi, poi essendo consapevoli delle proprie possibilità si può arrivare ovunque. Si può sognare con realismo. Questa squadra è una squadra abituata a giocare con il 4-3-3, se io oggi volessi stravolgere tutto per dimostrare la mia competenza, commetterei un errore clamoroso. Non devo dimostrare di essere bravo, ma devo valorizzare i giocatori.”

In merito alla prossima partita con il Sassuolo, De Canio ha definito la sfida, più difficile rispetto alle altre due successive, contro la Juventus e il Napoli. “I calciatori saranno utilizzati tutti. Loro devono sfruttare le possibilità che durante la stagione verranno concesse – ha aggiunto De Canio – solo attraverso le loro prestazioni potremo vincere. Non si cambia modulo in base all’avversario, si deve studiare bene il comportamento in campo e poi programmare l’attacco esprimendo le nostre idee”.  Il neo allenatore della compagine rosso azzurra, poi, ha ufficializzato  i suoi nuovi collaboratori: Roberto De Bellis, preparatore atletico, Antoroberto Rizzo come collaboratore, e ancora Irrera e Orlando. In merito al suo sopranome “sergente di ferro” si è definito solo un amante delle regole che bisogna rispettare fuori e dentro lo spogliatoio. “Nella squadra si può lavorare per un progetto duraturo nel tempo. Se ci fossero delle condizioni favorevoli sarei lieto di prolungare la mia presenza. Sicuramente non sono mosso dalle condizioni economiche”.  De Canio ha concluso il suo intervento parlando dei nuovi acquisti del mercato etneo e sulla possibilità di avere un mental coach all’interno della società: ” Quando arrivai al Genoa, Tachtsidis,  era appena stato venduto alla Roma. Ora che è a mia disposizione perché non dovrei utilizzarlo? Il mental coach è l’allenatore, se un allenatore non avesse capacità non potrebbe gestire un gruppo”.

Al termine della conferenza, il Mister ha risposto alle domande dei giornalisti, definendo come punto di partenza la valutazione della condizione attuale e che non stravolgerà gli assetti tecnici della squadra. E ha continuato definendo che il lavoro di gruppo sarà la prassi a cui si dovrà attenere la squadra considerando la possibile convivenza di Maxi Lopez e Bergessio in attacco. Si presenta così il nuovo allenatore del Catania. Domenica sarà il primo esame per lui sfidando il Sassuolo. Iniziare con una vittoria darebbe la spinta giusta e solleverà il morale ai calciatori etnei. Ora, spazio al gioco.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook