Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TERMINI IMERESE (PA): DIFFERENZIATA, AREA DI STOCCAGGIO E CAPANNONI IN FIAMME

TERMINI IMERESE (PA): DIFFERENZIATA, AREA DI STOCCAGGIO E CAPANNONI IN FIAMME

“Capannoni in fiamme nella zona industriale. Esteso l’incendio divampato nella notte, paura per una densa colonna di fumo. In azione dieci squadre dei vigili del fuoco. Le fiamme si sono propagate anche allo stabilimento di una ditta di detersivi, la Lo Piccolo, andato distrutto”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Erano le tre di notte quando un vasto incendio è divampato nella zona industriale di Termini Imerese. Due capannoni sono andati distrutti, oltre a un’area di stoccaggio di una società che si occupa di raccolta differenziata, la Lvs, di contrada Canne Maschie. Ancora sono in azione dieci squadre dei vigili del fuoco. Le fiamme si sono propagate al capannone di una ditta di detersivi, la Lo Piccolo, andato distrutto. Indagano i carabinieri della compagnia di Termini Imerese. Sul posto sono presenti anche le squadre Nbcr dei vigili del fuoco, gruppo specializzato che interviene in caso di pericolo di inquinamento dell’aria. Infatti, una densa colonna di fumo si è alzata in cielo creando preoccupazione nella popolazione locale.

Il fuoco ha divorato cinquanta tonnellate di rifiuti della ditta “Lsv srl”. Il titolare si chiama Gaetano Rubino, 44 anni. La forte vampa ha distrutto due capannoni della società rifiuti, un altro grosso stabilimento di detersivi di Giovanni Battista Lo Piccolo, 40 anni, e la lavanderia industriale di Domenico Stefano, 66 anni. Non ci sono stati feriti. I danni, coperti da assicurazione, sono ancora in corso di determinazione.

Il comandante dei vigili del fuoco di Palermo Gaetano Vallefuoco ha commentato: “La situazione dopo sei ore di intervento è sotto controllo. Si stanno spegnendo gli ultimi focolai. Adesso dobbiamo valutare cosa è successo”. Al momento nessuna pista è esclusa dai carabinieri. Nella stessa ditta l’anno scorso, il 26 settembre, un altro incendio era divampato nella fabbrica. Anche allora si levarono fiamme molto alte e l’Arpa fu impegnata a controllare i parametri dell’aria.

In quell’occasione si determinò che le cause furono accidentali e Donaldo Di Cristofalo, geologo del comune di Termini Imerese aveva riferito che il deposito – che custodiva plastica, carta e altri rifiuti ingombranti – avrebbe preso fuoco a causa di una scintilla prodotta da una macchina per triturare i materiali. L’incendio si sarebbe poi propagato fino a raggiungere un ammasso di materassi, che hanno a loro volta alimentato le fiamme.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook